L'Umbria potrebbe andare verso l'arancione scuro

Possibili riaperture di asili e materne
Perugia

L'Umbria potrebbe tingersi di arancione scuro o rafforzato a partire da lunedì 1 marzo.

Come ha confermato l'aggiornamento settimanale sul Coronavirus della Regione Umbria, i contagi sono rallentati per la seconda settimana di fila in provincia di Perugia, a dimostrazione che le misure adottate stanno manifestando la loro efficacia.

“Siamo stati i primi a gestire la diffusione di queste due varianti – ha detto l’assessore alla sanità Luca Coletto in occasione dell'incontro di ieri, giovedì 25 febbraio – e siamo stati molto attenti per limitare l’infezione e sappiamo quanto è costato alla popolazione che ha dovuto sopportare delle restrizioni”.

Restrizioni che potrebbero alleggerirsi già a partire dalla prossima settimana, se il cambio di colore verrà confermato ufficialmente. La zona arancione rafforzato si colloca a metà tra i divieti imposti dalla zona rossa e da quella arancione, con restrizioni soprattutto per quanto riguarda le scuole e le lezioni in presenza, ma negozi e esercizi commerciali aperti.

L'indice Rt in Umbria è attualmente pari allo 0,92, ma a preoccupare sono i 212 casi di positività ogni 100mila abitanti (271 in Provincia di Perugia e 77 a Terni).

Palazzo Donini sta valutando se riaprire gli asili e le scuole dell'infanzia, anche se l'assessore Coletto si è detto contrario e vorrebbe prorogare la chiusura di altre due settimane.

Si attende l'ordinanza che confermerà il colore della nostra regione, attesa nel pomeriggio di oggi, venerdì 26 febbraio.

I DATI DEL CONTAGIO

I nuovi casi positivi al Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore, aggiornati a giovedì 25 febbraio, sono 267, a fronte di 3.632 tamponi effettuati e 2.657 test antigenici.

9 i nuovi decessi, per un totale di 1.023 vittime dall'inizio della pandemia.

Calano sensibilmente i ricoveri (-15), attualmente 525, tra cui 77 pazienti ricoverati in terapia intensiva (-3 rispetto al giorno precedente).

353 sono invece nuovi guariti.

Gli attualmente positivi nella nostra regione sono 8.322.