Ventiduenne perugina accoltellata dal fidanzato albanese

Il giovane oltre a ferirla, una volta a terra, l'ha riempita di pugni e calci
Perugia

Una ventiduenne perugina ha accusato il fidanzato di averla accoltellata di striscio al ventre e alla schiena e in più di averla colpita una volta a terra con pugni e calci anche al volto. Nella denuncia la giovane ha ricostruito in questura quanto accaduto nella mattina di sabato, quando il fidanzato si è presentato sotto la sua abitazione dopo una discussione.
 La giovane, medicata al pronto soccorso, ha raccontato di essersi rifugiata dai vicini per fuggire all’aggressione del giovane di nazionalità albanese per il quale il legale della ventiduenne, l’avvocato Luca Maori, chiede l’applicazione della misura cautelare, sostenendo che si è trattato di un tentato omicidio, perché la ragazza si è difesa e solo per questo i fendenti l’hanno colpita solo di striscio.