Al Comune di Perugia si è discusso l’Ordine del giorno “Contrasto alla violenza sulle donne”

Presentato dalla consigliera Francesca Vittoria Renda del gruppo Blu
Perugia

Panchine rosse nei parchi e spot contro la violenza sulle donne. Sono le iniziative a cui sta lavorando il Comune di Perugia. Lo ha annunciato l'assessore al sociale, Edi Cicchi in commissione cultura nell'affrontare il dibattito su due ordini del giorno. Il primo quello di Francesca Renda (Blu) su Contrasto alla violenza sulle donne, il secondo quello avanzato dalla capogruppo dell'M5S, Francesca Tizi per la richiesta installazione di panchine rosse per la sensibilizzazione contro la violenza sulle donne.
Proprio aprendo il dibattito sui due ordini del giorno l'assessore Edi Cicchi ha manifestato condivisione per le proposte che sono in linea con l'attività che il Comune di Perugia sta portando avanti sostenendo le donne vittime di violenza.
In merito al Contrasto alla violenza sulle donne la consigliera di Blu ha affermato che siamo di fronte ad un fenomeno di grande attualità e dunque, in considerazione della sua crescente diffusione una seria e incisiva azione di contrasto nei suoi confronti, non è ulteriormente procrastinabile.

Come anche sottolineato in un servizio apparso sull'ultimo numero in edicola di Umbria Settegiorni, i dati confermano la gravità della situazione, peggiorata peraltro nel corso dei numerosi lockdown dovuti alla pandemia in atto nel mondo ed in Italia.

Anche in Umbria quello della violenza sulle donne rappresenta un fenomeno molto significativo e come rilevato dalla Commissione parlamentare d’inchiesta istituita presso il Senato della Repubblica è la nostra regione quella col più alto tasso di vittime in rapporto alla popolazione femminile con violenze di genere che in oltre il 70% dei casi sono da attribuire a mariti, fidanzati ed ex partner.

In ragione di ciò Renda nel dispositivo propone di impegnare l’Amministrazione:

- a far sì che l’amministrazione comunale di Perugia, già parte attiva nel contrasto al fenomeno della violenza nei confronti delle donne, diventi promotrice di campagne di sensibilizzazione audiovisive che abbiano come scopo quello di portare alla luce tale tematica;

- a farsi promotori dell’istituzione all’interno della costituenda Umbria Film Commission di una sezione dedicata all’audiovisivo sul tema della violenza di genere che contribuisca ad affermare un modello di donna indipendente, evoluta, attiva e che costituisce un motore imprescindibile per lo sviluppo della società;

- a diffondere anche in ambito scolastico tramite prodotti legati al mondo dell’audiovisivo una corretta educazione in relazione al tema del contrasto alla violenza sulle donne favorendo iniziative nelle quali i medesimi istituti scolastici diventino destinatari e soggetti attivi nella diffusione di messaggi positivi nel contrastare il fenomeno della violenza di genere.