Ubriaco molesta una ragazza e successivamente aggredisce i poliziotti

Perugia

Nella notte fra sabato 1 e domenica 2 agosto, personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, diretto dal Commissario dr.ssa Monica Corneli, unitamente ad altro personale della Questura di Perugia in servizio di Ordine Pubblico nella zona del “centro” di Perugia, ha arrestato un cittadino gambiano di 24 anni senza fissa dimora e con numerosi pregiudizi di polizia per reati inerenti lo spaccio di stupefacenti, reati contro la persona e contro il patrimonio.

L’attenzione degli agenti, impegnati in un intervento di soccorso ad un cittadino di origini africane, veniva attratta da grida provenienti dalla zona della Cattedrale. Al fine di scongiurare qualsiasi attività criminale o comunque pericolosa, un equipaggio si adoperava a raggiungere il luogo delle grida con la massima sollecitudine.

Giunti sul posto gli operatori notavano un gruppetto di ragazzi fra i quali era presente un cittadino di origini africane che, con fare aggressivo, fronteggiava un altro ragazzo. Quesst'ultimo riferiva agli agenti che l’uomo, pochi attimi prima, aveva afferrato con forza il viso della propria ragazza con l’intento di baciala sulle labbra.

Con molta fatica gli agenti cercavano di contenere la furia del cittadino africano, probabilmente in stato di alterazione da alcool, il quale, alla vista della Polizia aumentava ancor di più la propria “escandescenza” inveendo contro i poliziotti con offese e minacce e cercando di colpirli non appena gli si portavano alla giusta distanza.

Nonostante l’ausilio del resto degli agenti, il controllo e l'arresto dell'uomo si è rivelato estremamente difficoltoso.

Anche presso gli uffici della Questura di Perugia il soggetto continuava a non placare i propri animi violenti, ma dalla perquisizione veniva trovato in possesso di circa 3 grammi di marijuana.

Terminati gli accertamenti dovuti e notiziata l’Autorità Giudiziaria, l’uomo veniva arrestato per i reati di violenza sessuale, resistenza, lesioni, oltraggio e minacce a Pubblico Ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.