Il visionario Gianluca Nicoletti: “Imparare ad usare la tecnologia per non esserne fagocitati”

Di grande suggestione l’incontro streaming di ieri con il giornalista, intervistato dal prof. Antonio Allegra
Perugia

Gianluca Nicoletti ha tenuto una lezione speciale all’università per Stranieri di Perugia, in diretta streaming. 
Il giornalista perugino è intervenuto nell’ambito "seminari online" per parlare di “Vita e comunicazione nell’epoca digitale”.
Un tema di assoluta attualità che si inserisce nell’ambito delle iniziative dedicate alla promozione del nuovo corso di laurea in Digital Humanities per l’italiano, che sarà attivo dall’ottobre 2020.
Gianluca Nicoletti è stato uno dei pionieri dell’analisi sui temi della virtualità in rapporto all’identità, ed è senz’altro una voce utile ed autorevole per orientarsi.
Autore di trasmissioni culto come Golem Melog, e direttore editoriale di Rai Net già all’inizio del nuovo millennio, Nicoletti continua a guardare acutamente ai fenomeni che riguardano la nostra proiezione in tutte le forme di socialità virtuale.
All’incontro hanno partecipato la Rettrice Giuliana Grego Bolli e il  presidente del nuovo corso di laurea in Digital Humanities per l’italiano, Gabriele Rigano, mentre Nicoletti ha risposto alle sollecitazioni di Antonio Allegra, docente di Filosofia delle Digital Humanities  presso l’Ateneo.


“Certo, imparare ad usare la tecnologia e conoscerne potenzialità e portata conviene, in primo luogo per non esserne fagocitati ed evitare il disadattamento sociale”.
   Ha esordito così l’iperconnesso e sempre avanguardista Gianluca Nicoletti alla domanda del prof. Antonio Allegra sull’opportunità o meno di “essere tecnodigitali”.
  “La ricetta è antica – ha proseguito - la tecnologia nasce e si sviluppa costantemente per aiutarci, ma al tempo stesso ci cambia. Più il nostro uso di essa sarà consapevole, ovvero basato sulla conoscenza degli strumenti, maggiore potrà essere la capacità critica nei riguardi di ciò che la nuova technè, oggi il digitale, produce per noi ed intorno a noi”.
 Nicoletti ha tenuto a sottolineare la difficoltà di adottare tale approccio, in ragione dell’accelerazione che lo sviluppo tecnologico-digitale ha avuto negli ultimi 40 anni; un processo che ha generato per la prima volta nella storia dell’uomo la compresenza sul pianeta di analfabeti digitali (nati ben prima dell’avvento del computer), protopraticanti, utenti digitali loro malgrado – sempre in affanno - , insieme a professionisti di settore, tecnocrati, nativi e naturalizzati digitali.
 “Io a 65 anni vivo immerso nella tecnologia – ha esemplificato a riguardo il giornalista perugino - ma posso ricordare che mia zia che aveva pudore a spogliarsi davanti al televisore spento, temendo che la spiasse, mentre mio figlio prova il piacere della scoperta “dell’antico“ nell’adoperare oggi prodotti già annoverabili nell’ambito dell’archeologia digitale, come i primi modem o dispositivi di gioco orami desueti. Quindi l’eterogeneità è grande sotto il cielo“.
 Ma come regolarci con la postverità dei social, a cui tutti siamo esposti? - domanda allora Antonio Allegra.
  “Per dare senso pieno alla nostra esperienza umana è a mio avviso fondamentale viverla con il massimo della consapevolezza e della profondità – ha risposto Nicoletti -. Ciò detto andrebbe dato costante stimolo a comprendere le dinamiche sociodigitali per ciò che sono al momento: vi trionfa non il desiderio di confronto sui contenuti, ma l’espressione del proprio pregiudizio, basata sempre più sugli effetti di input comunicativi di natura emotiva. Informarsi, analizzare, conoscere è troppo impegnativo, si prediligono oggi certezze già ruminate da altri”.
 Nicoletti si poi è soffermato sull’opportunità di non vivere una relazione nostalgica con il passato, in questo senso, né di tentare fughe in avanti; sottolineando tuttavia come stare al margine del presente comporti la perdita di tante buone occasioni. Il giornalista ha poi parlato della nostra “ombra digitale“, ovvero di tutti i dati che sopravviveranno alla mostra morte fisica, immessi in rete nel corso della nostra esistenza, e della necessità di normarne la gestione, nonché della forte fatica emotiva e cognitiva cui il nostro cervello è sottoposto da qualche decennio a questa parte, per la necessità di agire su più piani in regime di sincronicità, e dei ‘cambiamenti’ evidenziatisi in esso “nell’agire digitale“: i cervelli dei ragazzini che brillano nei giochi al computer sembrano avere diffusamente sviluppato qualità percettive che i loro genitori hanno scarsamente.
Nicoletti si è congedato quindi, promettendo di partecipare ‘in presenza’ ad una prossima iniziativa dell’ateneo e si è complimentato per il nuovo corso di laurea in digital humanities della Stranieri, che attivo da ottobre 2020.