Perugia, consegnati ‘passaporti del cuore’ e mascherine ai medici di medicina generale

Gesto simbolico e solidale dell’associazione ‘Un’idea per la vita onlus’
Argomenti correlati
Perugia

Un gesto simbolico e concreto per ringraziare i medici di base che durante l’emergenza sanitaria legata a Covid-19 si sono adoperati per i loro pazienti. È quello di cui si è resa protagonista l’associazione ‘Un’idea per la vita onlus’, presieduta dall’event planner Laura Cartocci, giovedì 28 maggio al Barton Park di Perugia. Donate mascherine, fornite da diversi imprenditori del territorio, consegnate a Tiziano Scarponi, consigliere dell’Ordine dei medici di Perugia e medico di medicina generale, che ha ricevuto anche il Passaporto del cuore. Il passaporto è stato consegnato anche al vicesindaco di Perugia, nonché pediatra, Gianluca Tuteri, e all’assessore alla sanità della Regione Umbria, Luca Coletto, che da oggi sono membri onorari dell’associazione.

L'associazione ‘Un’idea per la vita onlus’ si occupa di promozione della prevenzione, supporto e informazioni ai pazienti oncologici e alle loro famiglie, anche attraverso le sue madrine, proclamate in questa occasione: Annalisa Baldi, Manuela Marinangeli, Clara Pastorelli e Annalisa Satiri. Nei prossimi mesi il passaporto del cuore sarà consegnato agli oltre 700 medici della Regione Umbria che hanno dato il loro contributo in un momento così difficile per il paese.

“Con questo riconoscimento simbolico – ha dichiarato Cartocci – la nostra Associazione vuole ringraziare tutti i medici di medicina generale italiani che hanno messo a disposizione la loro professionalità e il loro grande cuore. Ci tengo a ringraziare anche le aziende e gli imprenditori che ci hanno supportato in questa iniziativa, l’autolavaggio Tappezzeria Moreno Moretti, Confezioni Gap, EdilOne, Mr Print, S&G Thesign e La casa degli artisti. Un ringraziamento speciale va ad Antonio Baldaccini per la sua generosità e supporto, ad Elisa Zetti e Beatrice Borgiani per la grafica, al Maestro Giuseppe Fioroni che ha donato alcune mascherine da lui personalizzate e dei favolosi disegni inseriti all’interno del passaporto; al Nuovo Istituto Design e agli studenti Chiaraluna Fortunati, Francesca Valenti, Camilla Radoni e Nicola Giombini, che hanno arricchito alcune pagine del passaporto con artwork dedicati al delicato periodo della pandemia, all’opera dei medici e all’importanza della prevenzione. Ringrazio, inoltre, Saci professional, Michele & Co e Leonardo Tacchi, presidente Fonte Sassovivo, amici della Onlus che hanno dimostrato la loro vicinanza anche in un momento così particolare”.