Arera: okay alla manovra tariffaria di Umbra Acque, Auri: l’Umbria pronta a investimenti

Per il quadriennio 2020-2023 previsti circa 220 milioni di euro da utilizzare per tutta la regione
Perugia

Arera (l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) ha approvato la manovra tariffaria di Umbra Acque per le annualità 2020-2023, dopo aver precedentemente approvato quelle di Vus Spa e Sii Scarl.

Si completa così il quadro tariffario regionale per il Servizio idrico integrato che, nel complesso, prevede investimenti in tutta l’Umbria per il quadriennio 2020-2023 di circa 220 milioni di euro, tra cui 121 milioni di euro per il gestore Umbra Acque, 51 milioni di euro per il gestore SII e 45 milioni di euro per il gestore Vus.

Le manovre prevedono, inoltre, agevolazioni tariffarie per le utenze deboli per 500mila euro all’anno per un totale di 2 milioni euro per il quadriennio tariffario 2020-2023. Tali agevolazioni si sommano ai bonus idrici nazionali già previsti in via automatica dal sistema tariffario.

“L’Umbria – ha commentato Antonino Ruggiano, presidente dell’Autorità umbra rifiuti e idrico – è una delle prime regioni italiane ad aver completato per tutti i gestori del servizio idrico gli iter di approvazione delle manovre tariffarie e, se si considera che in queste manovre sono già presenti anche gli investimenti programmati per il Piano acquedotti nazionale e il Recovery Found, possiamo dire che si candida a essere una delle poche realtà nazionali già pronte ad utilizzare le somme messe a disposizione dall’Unione Europea”.

“Questo risultato si è reso possibile – ha proseguito il presidente Ruggiano – grazie all’innovativo approccio basato su una visione regionale che l’Autorità ha saputo dare alla tematica programmatoria. Si sono potuti affrontare i problemi strutturali della nostra rete idrica regionale con un’ottica di lungo periodo che traguardasse obiettivi sfidanti e di lungo respiro volti a superare le croniche difficoltà di una rete idrica bisognosa di stare al passo con i tempi”.

“Adesso – ha concluso Ruggiano – dovremo dimostrarci all’altezza dei progetti che abbiamo approvato per dare agli stessi una celere ed efficiente esecuzione in modo tale che i benefici possano ricadere sulle nostre comunità sia in termini ambientali sia in termini economici. Auspichiamo che anche il nostro impegno possa aiutare la nostra regione a uscire dal difficile momento che stiamo vivendo e che questi investimenti possano offrire un’occasione concreta di sviluppo e di progresso per le nostre comunità”.