Un agriturismo su due è irregolare

Si è concluso un piano di controlli avviato dal comando provinciale di Perugia della guardia di finanza nei confronti delle strutture ricettive
Perugia

La Guardia di Finanza ha operato dei controlli su agriturismi, country house e bed & breakfast in provincia di Perugia. Su 40 controlli, quasi per quasi metà delle strutture sono scattate sanzioni amministrative e fiscali, e, in taluni casi, penali.
Nove strutture esercitavano l’attività senza aver mai dato formale comunicazione ai Comuni di appartenenza, né, tantomeno, aver dichiarato la propria attività al Fisco.
Le violazioni elevate vanno dalla mancata comunicazione ai Comuni dell’inizio dell’attività sino alla denuncia all’autorità giudiziaria per l’omessa informazione all’autorità di pubblica sicurezza delle persone alloggiate in strutture ricettive.
Le Fiamme Gialle, durante le loro ispezioni, hanno scoperto in tre strutture ricettive 14 lavoratori completamente in “nero”.  Per questo motivo, nei confronti di uno degli imprenditori è immediatamente scattata la richiesta ai competenti uffici del provvedimento di sospensione dell’attività.