Martedì 1 giugno sciopero nazionale dei trasporti

Anche in Umbria previsti disagi per chi viaggia in bus, tram, metro, etc.
Perugia

Disagi per chi viaggia con i trasporti pubblici in Umbria. Domani 1° giugno è in programma uno sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale per il mancato rinnovo del contratto nazionale. Lo hanno annunciato le sigle sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl Fna.

“Governo, Regioni ed enti locali devono sapere che, nonostante alle aziende siano arrivati i previsti contributi pubblici economici, gli autoferrotranvieri aspettano il rinnovo del contratto, scaduto il 31 dicembre 2017 – spiegano in una nota i sindacati –. Autoferrotranvieri e internavigatori rivendicano legittimamente il diritto al rinnovo del contratto nazionale scaduto da oltre tre anni, chiedendo di sanare criticità come quelle dei titoli abilitativi, del basso salario e della salute e sicurezza sul lavoro. Questa situazione dimostra che non è più rinviabile una riforma del settore, che favorisca le aggregazioni delle oltre 900 aziende esistenti per uno sviluppo del settore che elimini diseconomie, inefficienze, sprechi, oltre che una bassa qualità del servizio”.

Numerose le città che stanno aderendo allo sciopero nazionale del 1° giugno.
Il Gruppo Ferrovie dello Stato ha annunciato che prenderà parte alla protesta, sospendendo le corse martedì prossimo.
 Il servizio, comunque, sarà garantito nelle seguenti fasce orarie: in Umbria, i servizi ferroviari dalle ore 5:45 alle 8:45 e dalle 11:45 alle 14:45.

Lo sciopero dei trasporti indetto martedì 1 giugno 2021 coinvolgerà i mezzi di trasporto pubblico locale (bus, tram, metro etc.). Nel rispetto della legge, comunque, ci saranno delle fasce orarie in cui il servizio – essendo pubblico ed essenziale – verrà garantito.

Per maggiori dettagli, dunque, si invita a consultare i siti internet o le pagine Facebook e Twitter ufficiali delle aziende di riferimento, prendendo nota di quanto specificato.