Polizia di Stato ha arrestato due cittadini albanesi per concorso nel reato di spaccio

I due uomini sono stati sorpresi a spacciare cocaina nella zona di Montebello
Perugia

Nel pomeriggio di giovedì 18 febbraio la Polizia di Stato ha arrestato due cittadini albanesi nel quartiere perugino di Montebello, per concorso nel reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Ai due uomini, di 33 e 32 anni ed entrambi già gravati da precedenti specifici, la Squadra Mobile è arrivata tramite le segnalazioni di alcuni residenti, che da giorni avevano notato i loro movimenti sospetti.

In particolare, più di un cittadino li aveva osservati mentre effettuavano incontri fugaci con altre persone, il che consentiva di ipotizzare traffici illeciti.

Per questo alcuni agenti della Squadra Mobile si sono piazzati nella zona segnalata, nella speranza di individuare i due sospettati, dei quali gli era stata fornita un'adeguata descrizione.

Dopo qualche ora di appostamento, i poliziotti hanno notato il transito dei due uomini a bordo di una Fiat Punto; uno dei due è improvvisamente sceso dal veicolo ed ha iniziato ad armeggiare nei pressi di alcuni arbusti, come se dovesse prendere o lasciare qualcosa.

Pochi minuti dopo, i poliziotti hanno osservato in tempo reale un incontro tra i due albanesi ed un terzo uomo, al quale è stato consegnato un piccolo oggetto.

Gli agenti sono quindi intervenuti, bloccando sia i due sospettati che il terzo uomo; quest’ultimo è stato trovato in possesso di una dose di cocaina appena acquistata, mentre i cittadini albanesi erano in possesso di denaro contante.

A quel punto, gli uomini della Squadra Mobile sono andati a verificare cosa vi fosse tra gli arbusti, rinvenendo così un involucro contenente altre quattro dosi di cocaina.

Complessivamente, sono stati sequestrati cinque grammi di tale sostanza stupefacente.

I poliziotti hanno proceduto al sequestro del denaro trovato nella disponibilità dei due albanesi, i quali erano in possesso della somma di 865 euro, probabile frutto della loro attività di spaccio.

I due soggetti sono stati arrestati e, su disposizione della locale Procura della Repubblica, tradotti al carcere di Perugia-Capanne.