Siringhe usate vicino alle scuole a Madonna Alta

La denuncia dei genitori su Facebook
Perugia

E' allarme tra i genitori per il ritrovamento di numerose siringhe usate nei pressi delle scuole. Il Parco Chico Mendez, a Madonna Alta, è diventato un ritrovo di spacciatori e di drogati.

La denuncia è partita su Facebook.

"Già altre volte ho segnalato alle autorità questa problematica a Madonna Alta, vicino al supermercato e alla stazione del mini metro - ha scritto un residente della zona, come si legge in un post condiviso sul gruppo Facebook Genitori del Parco Chico Mendez, Perugia -. Mercoledì sera ho assistito in diretta ad una persona che si bucava alle 18.55. Oggi faccio il sottopasso e trovo siringhe ovunque. Ho nuovamente avvisato le autorità e chiedo a tutte le mie conoscenze di prendere a cuore la situazione altrimenti sarò costretto lo stesso a provvedere alla sicurezza di una zona di transito che vede passare quotidianamente mamme con bambini, ragazzi adolescenti e anziani".

Una situazione ormai insostenibile soprattutto per i genitori dei bambini e ragazzi che frequentano le scuole adiacenti.

Ma i problemi non finiscono qui: l'angolo del book crossing, iniziativa dell'associazione Natura Urbana, che dal 2005 gestisce il Parco Chico Mendez, è stata oggetto dell'azione di vandali che hanno distrutto i libri, pronti per essere scambiati volontariamente tra chi desidera aderire all'iniziativa.

Il Presidente dell'associazione, Daniele Ercolani, ha espresso il proprio disappunto in un post su Facebook: "Una nobile iniziativa, realizzata presso il parco C. Medez, aveva visto porre in essere un angolo per il "BOOK CROSSING" nella pertinenza dell'area giochi.

Propedeutico al passalibro, garantendo a titolo gratuito la distribuzione di una serie di volumi codificati, tramite della tracciabilita' del libro ed il suo passamano tra lettori.
Con amarezza ad informare di come, presumibilmente nella notte tra il 31 dicembre ed il 1 gennaio, e' stata "bruciata la cultura", in quanto abbiamo rinvenuto sopra il tavolo da ping pong ubicato fronte all'area giochi, volumi ormai purtroppo ridotti in cenere.
Tale gesto va condannato, e ne abbiamo dato comunicazione organismi preposti".
 
L'associazione Natura Urbana ha poi aggiunto, sempre tramite un post condiviso su Facebook, che "dopo la segnalazione mossa del becero ed inqualificabile gesto posto in essere del dare fuoco ai libri del book crossing presso il parco C. Mendez, siamo stati contattati a livello istituzionale, nelle persone del Sindaco Andrea Romizi ed Assessore Otello Numerini.
Hanno espresso una forte condanna dell'atto, di concerto al manifestare un grande apprezzamento alle associazioni del territorio per il prezioso lavoro svolto per la comunita' perugina, nello specifico di Natura Urbana e La Garden, insieme alle altre alte forme di aggregazione sociale, come il gruppo FB I genitori del parco C. Mendez".