Perugia, il Liceo Alessi si rinnova in vista del rientro degli studenti

Molti interventi realizzati dalla scuola con fondi propri per circa 65mila euro - Nuovi pc per ogni classe, restaurato il parquet della palestra, ritinteggiati corridoi e aule
Perugia

In questi ultimi mesi, in cui gli studenti hanno dovuto rinunciare alla didattica in presenza e le scuole secondarie di secondo grado sono perciò rimaste chiuse, ci sono stati istituti che hanno approfittato della situazione per realizzare interventi di restyling e installare nuove strumentazioni tecnologiche. È questo il caso del Liceo scientifico ‘Galeazzo Alessi’ di Perugia che, in vista del possibile ritorno a scuola dei ragazzi a partire da lunedì 12 aprile, ha proprio in questi giorni terminato i lavori che hanno interessato palestra, corridoi e aule, quest’ultime ampliate, ritinteggiate e dotate tutte di nuovi computer per le lavagne interattive multimediali.
 

Ambiente più accogliente. “Un ambiente più accogliente è senza dubbio più favorevole all’apprendimento – ha subito premesso il dirigente scolastico Silvio Improta –. Tutte le aule sono state ridipinte così come i restanti ambienti scolastici: ogni piano ha adesso una diversa tonalità di colore, dal beige all’arancione. Abbiamo poi provveduto alla dotazione informatica, acquistando nuovi pc per ogni aula e potenziando la rete internet. In questo modo crediamo che i ragazzi, possano trovare un motivo in più per concentrarsi e riprendere quella confidenza con la scuola che è mancata da tempo”.
 

I lavori. Gli interventi sono stati finanziati con i fondi interni della scuola, per una spesa di circa 30mila euro per l’acquisto dei computer e circa 35mila euro per le tinteggiature. Grazie alla collaborazione con la Provincia di Perugia, che è intervenuta con fondi propri, è stata inoltre raddoppiata la grandezza di molte aule scolastiche così da poter ospitare classi numerose, mantenendo comunque il distanziamento minimo previsto dalle normative. Aule che in futuro diverranno multifunzione, con pareti mobili che permetteranno di separarle di nuovo nel momento in cui dovessero servire spazi più piccoli. Altro lavoro appena concluso, portato avanti anch’esso dalla Provincia, è stato quello che ha interessato il parquet della palestra, danneggiato dalle piogge durante l’inverno, e adesso completamente risistemato. “Tra i mesi autunnali e invernali – ha quindi reso noto lo stesso dirigente scolastico – abbiamo investito altri 35mila euro circa, messi a disposizione dal Miur specificamente per l’emergenza sanitaria, per la sanificazione di tutti gli ambienti e l’acquisto dei dispositivi di sicurezza”.
 

Rientro al 50%. Visto che, probabilmente, le scuole potranno inizialmente riprendere la didattica in presenza soltanto al 50 per cento, la dirigenza dell’‘Alessi’ ha pianificato per i circa 1.380 studenti un rientro alternato delle classi in turni di due giorni ciascuna. “La soluzione che abbiamo adottato – ha spiegato Improta – consentirà ai ragazzi di venire più spesso a scuola e garantirà una presenza meno discontinua”.
 

“I ragazzi devono recuperare la socialità”. “Per le scuole superiori – ha commentato in chiusura, ancora Improta – la didattica a distanza è stata una risorsa che ha permesso di salvare un anno scolastico. Questa non può però sostituire la didattica in presenza. Il corpo docente ha profuso un grande impegno, ma iniziano a sentirsi la stanchezza e le difficoltà. I ragazzi ce l’hanno messa tutta, ma anch’essi sono stanchi per una situazione che li vede tutto il giorno chiusi dentro casa. A maggior ragione ragazzi di questa età. La situazione sta diventando pesante. Noi li accompagneremo ancora in questo contesto ma ci auguriamo che possano al più presto recuperare la socialità che non hanno avuto in questi mesi, e che è essenziale alla loro età”.