Perugia, assolti 5 medici per la morte di Gino Pucciarelli

Il paziente era deceduto il 16 luglio 2015 al Santa Maria della Misericordia, tredici giorni dopo una tonsillectomia
Perugia

Il tribunale di Perugia ha assolto con “ampia formula piena” i cinque medici dell’ospedale di Perugia accusati di omicidio colposo dopo la morte dell'architetto viterbese Gino Pucciarelli, deceduto il 16 luglio 2015 al Santa Maria della Misericordia, tredici giorni dopo una tonsillectomia e cinque giorni dopo un secondo intervento a causa di un’emorragia.
Gli avvocati Giovanni Spina, insieme alla collega Maria Bruna Pesci, sono i legali difensori del primario del reparto di otorinolaringoiatra Giampietro Ricci, del chirurgo Luigi Giuseppe Gallucci e della dottoressa viterbese Maria Cristina Ricci.

A processo, con rito abbreviato, erano finiti anche l’otorinolaringoiatra Paolo Pettirossi e l’anestesista Carla Monacelli.
Ieri in aula la pm e la parte civile (avvocato Luca Mecarini, legale della famiglia Pucciarelli) avevano chiesto condanne per tutti i medici, ad eccezione dell’anestesista Monacelli.
Il giudice ha però assolto tutti i cinque imputati.