Progetto recupero scorie polo siderurgico Terni, conclusa positivamente conferenza servizi preliminare

Assessore Morroni: miglioramento qualità ambientale è priorità e opportunità di sviluppo
Perugia

Si è conclusa positivamente oggi, venerdì 15 gennaio, la Conferenza di servizi preliminare del progetto di recupero delle scorie siderurgiche che sarà realizzato da Tapojarvi Italia all’interno del polo siderurgico di Terni e dei fabbricati di AST-Acciai Speciali Terni.

Il progetto di recupero, previsto dall’Autorizzazione Integrata Ambientale (Aia) rilasciata dalla Regione Umbria nel dicembre 2019, riguarda l’ultima fase di lavorazione della scoria e completa il progetto di “metal recovery” (fase di deferrizzazione) già autorizzato e in fase di realizzazione e il progetto della “nuova rampa scorie” (fase di raffreddamento) che sarà presentato entro marzo 2021. È quanto ha reso noto l’assessore regionale all’Ambiente, Roberto Morroni, esprimendo grande soddisfazione.

“AST ha confermato l’impegno a realizzare l’intero ciclo di lavorazione delle scorie in ambienti chiusi e confinati – ha affermato l'assessore – con un progetto innovativo e all’avanguardia da cui deriverà innanzitutto un sensibile miglioramento della qualità dell’aria della città di Terni, con la definitiva risoluzione dell’annoso problema delle polveri che affligge gli abitanti della frazione di Prisciano. Gli uffici regionali, d’intesa con il Comune di Terni e ARPA Umbria, hanno definito le procedure e la documentazione necessaria per la definitiva approvazione dei progetti”.

“Un intervento di grande valore, nel più ampio quadro di interventi previsti dalla nuova Aia del polo siderurgico Ast di Terni, frutto di un lavoro di squadra – ha sottolineato Morroni – che ha come pilastri due priorità strategiche di questo governo regionale: ambiente e sviluppo, un binomio inscindibile. La tutela della salute e dell’ambiente è un’opportunità per la crescita economica e sociale del territorio e il ‘progetto scorie’ ne è un importante esempio”.