Squarta-Pace: più risorse al fondo prestiti “Re Start” per soddisfare le tante richieste

I consiglieri regionali di Fratelli d'Italia annunciano la presentazione di una mozione
Argomenti correlati
Perugia

“Grande lavoro della Giunta Tesei e dell'assessore Fioroni per provare a contenere gli effetti economici della pandemia. Tutti insieme proviamo a fare di più anche per i lavoratori autonomi e le partite Iva”. È quanto dichiara il consigliere regionale Marco Squarta (FdI-presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria) annunciando la presentazione di una mozione, firmata insieme alla collega Eleonora Pace (FdI-presidente della Terza commissione consiliare), che vuole “impegnare la Giunta regionale ad integrare il fondo prestiti 'Re Start' con ulteriori risorse per soddisfare il maggior numero possibile di richieste pervenute, offrendo in questo modo un sostegno attivo alle imprese del nostro territorio duramente colpite dall'emergenza Covid-19”.

Nell’atto si legge che “le risorse messe a disposizione da Palazzo Donini potrebbero non riuscire a soddisfare parte delle richieste finora pervenute. Diciotto milioni e mezzo di euro sono stati predisposti come dotazione iniziale del fondo prestiti Re Start. Sulla base delle informazioni comunicate da Gepafin il 19 maggio sappiamo che sono arrivate circa 1.670 domande per un importo complessivo superiore a 35 milioni di euro”.

“Sollecitiamo – spiega Squarta - un'integrazione dei fondi Re Start compatibile con le disponibilità del bilancio regionale. Il fondo Re Start è una delle misure di contrasto alla crisi economica attivata dalla Regione per sostenere le imprese attraverso il sostegno della liquidità e del capitale circolante. Re Start è una misura molto importante che testimonia il buon lavoro che la Giunta Tesei e, in questo caso, l'assessore Michele Fioroni, stanno portando avanti nel tentativo di contenere una pandemia che, dal punto di vista economico, rischia di portare con sé effetti devastanti per le tante imprese, per i lavoratori autonomi e le partite Iva del nostro territorio”.