Indagini su aziende che assumono detenuti, 90 casi sospetti

Nel mirino della Procura generale soprattutto l'edilizia
Perugia

Indagini condotte in prima persona dal sostituto procuratore generale Claudio Cicchella e dai finanzieri Ciro Stabile ed Oscar Cardone dell’Ugeco, hanno messo sotto esame presunte false assunzioni di detenuti in aziende in perdita con cantieri fermi per ottenere sgravi fiscali.
Sorprendente il fenomeno emerso dall’analisi delle richieste al Tribunale di Sorveglianza di Perugia. Su 160 istanze, sono stati approfonditi i profili di circa 90 richiedenti. Ne è fin qui risultato che oltre la metà risultano essere assunzioni sospette, che necessitano di approfondimenti.
E quanto detto ieri dal procuratore generale Fausto Cardella, durante la conferenza stampa di fine anno.