Detenuto africano si suicida in cella

Il brutto episodio ha fatto scatenare una rivolta fronteggiata dalla Polizia Penitenziaria
Perugia

Ha deciso di togliersi la vita impiccandosi nella Casa Circondariale Capanne di Perugia dov’era detenuto. E accaduto questa mattina alle 7 ed a ricostruire l’accaduto è Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE: “L’uomo si è suicidato in una cella dove era isolato per motivi disciplinari. Nordafricano, 37 anni, fino a mezz’ora prima aveva parlato con l’Agente di servizio ma nel successivo giro di controllo è stato ritrovato impiccato alle sbarre della finestra. L’uomo è stato prontamente soccorso dal personale di polizia penitenziaria e tempestivamente è intervenuto il medico che ha provato  più volte a rianimarlo ma non c'era più nulla da fare”.

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, commenta: “La notizia di questi nuovi drammatici suicidi di detenuti evidenzia come i problemi sociali e umani permangono, eccome!, nei penitenziari, lasciando isolato il personale di Polizia Penitenziaria (che purtroppo a Perugia non ha potuto impedire il grave evento) a gestire queste situazioni di emergenza. Il suicidio è spesso la causa più comune di morte nelle carceri. Gli istituti penitenziari hanno l’obbligo di preservare la salute e la sicurezza dei detenuti, e l’Italia è certamente all’avanguardia per quanto concerne la normativa finalizzata a prevenire questi gravi eventi critici. Ma il suicidio di un detenuto rappresenta un forte agente stressogeno per gli altri detenuti e per le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria, che svolgono quotidianamente il servizio con professionalità, zelo, abnegazione e soprattutto umanità in un contesto assai complicato. Per queste ragioni un programma di prevenzione del suicidio e l’organizzazione di un servizio d’intervento efficace sono misure utili non solo per i detenuti ma anche per l’intero istituto dove questi vengono implementati. E’ proprio in questo contesto che viene affrontato il problema della prevenzione del suicidio nel nostro Paese. Ma ciò non impedisce, purtroppo, che vi siano ristretti che scelgano liberamente di togliersi la vita durante la detenzione.

Non va sottaciuto un dato emblematico: dal 1 gennaio 1992 al 31 dicembre 2019 le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno sventato, nelle carceri del Paese, più di 25mila tentati suicidi  ed impedito che quasi 180mila atti di autolesionismo potessero avere nefaste conseguenze”.

Bonino rammenta che pochi giorni fa alcuni detenuti di Capanne avevano preso in ostaggio un Agente di Polizia Penitenziaria, sequestro durato alcune ore, e ieri c’era stato l’ennesimo atto di intolleranza verso il personale di Polizia: “Una detenuta, già responsabile di atti di violenza e di eventi critici, ha insultato e schiaffeggiato una poliziotta penitenziaria nel Reparto femminile. È sotto gli occhi di tutti che la situazione a Perugia Capanne necessità di urgenti interventi e provvedimenti ministeriali che non posso più essere rinviati. Il SAPPE è pronto a scendere in piazza per rivendicare più tutele e garanzie per chi lavora in carcere a Perugia!”.

Ma nel pomeriggio arriva anche una precisazione.

Folle e irrazionale reazione di alcuni detenuti del carcere di Perugia dopo il suicidio di un detenuto nordafricano questa mattina. 

“Qualcuno ha messo in circolo la falsa e assurda notizia che un ristretto nordafricano  sarebbe stato ucciso”, dichiara Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE: “E questo ha indotto gli altri detenuti, ristretti nei quattro piani del Reparto circondariale,  a bruciare materassi e a dare corso a folli e forti proteste. Direttore e Comandante del carcere hanno disposto per il personale di Polizia Penitenziaria in servizio di disporsi in assetto anti-sommossa, ma per fortuna non è stato necessario intervenire. Certo, avere propalato una notizia falsa è stato assurdo e folle, ma la Polizia Penitenziaria ha saputo fronteggiare anche questi drammatici eventi”.

Il Segretario Generale del SAPPE, Donato Capece, preannuncia una assemblea pubblica del Sindacato ed una conferenza stampa fuori del carcere di Perugia la settimana prossima: “la situazione a Capanne è allarmante e servono urgenti interventi. Non c’è tempo da perdere, altrimenti la bomba esplode!”.