Poste Italiane: 180mila bambini scrivono a Babbo Natale

All’opera gli speciali postini per la raccolta delle letterine spedite dai bambini in Provincia di Perugia e Terni
Perugia

Anche quest’anno Poste Italiane ha messo a disposizione la propria rete logistica per il consueto appuntamento natalizio de “La Posta di Babbo Natale” dedicata a tutti i bambini, che hanno già spedito in pochi giorni 180 mila letterine da tutt’Italia.

In provincia di Perugia e di Terni sono all’opera i cosiddetti “Postini di Babbo Natale” per la raccolta delle buste contenenti gli scritti che i bambini inviano tramite i 195 Uffici Postali del perugino (67 a Terni) o inseriscono nelle 493 cassette rosse di impostazione presenti sul territorio provinciale (191 nel ternano).

In questo 2020 segnato dalla pandemia globale, Poste Italiane ha deciso di rinnovare l’appuntamento con la tradizione e raccogliere “speranze e desideri” dei bambini. Come ogni anno, sono migliaia le missive che i portalettere intercettano nel circuito postale e alle quali Babbo Natale risponde con un pensiero.

Molte le frasi e i pensieri dedicati all’emergenza sanitaria: “Caro Babbo Natale come stai, il virus è arrivato anche da te? I tuoi elfi stanno bene?”, “Quest’anno il regalo più grande saranno la compagnia e l’amore delle persone che amiamo”.

"È stata anche attivata l’App “Zen e Zero” (disponibile su Google Play e Apple Store) con il cooking game più divertente delle feste - si legge nel comunicato di Poste Italiane -. Per ciascun partecipante, la missione sarà quella di scoprire se il sapore del Natale è lo stesso in tutto il mondo, grazie ai due chef di Babbo Natale, Zen e Zero, che aiuteranno i bambini durante il gioco.

Il progetto, che ha come sempre una finalità educativa e sostenibile, quest’anno ha lo scopo di sensibilizzare grandi e piccoli sul tema della corretta alimentazione. Per questo Poste Italiane ha deciso di sostenere Unicef e, tramite il link presente sia sul sito che sull’App, sarà possibile donare una piccola somma per garantire latte e alimenti terapeutici ai bambini che ne hanno bisogno".