Fontivegge, arrivano i Portieri di Quartiere

Il progetto è voluto dal Comune di Perugia in collaborazione con il consorzio Auriga
Argomenti correlati
Perugia

Contro il degrado di un intero quartiere perugino entrano dunque in azione i Portieri di Quartiere, per garantire più sicurezza a Fontivegge, Bellocchio e Madonna Alta.
Il progetto denominato appunto “Portieri di quartiere”, voluto dal Comune di Perugia in collaborazione con il consorzio Auriga, consente un monitoraggio costante del territorio.
L’obiettivo è quello di migliorare il decoro del territorio e supportare i cittadini tramite figure di riferimento quotidianamente presenti nel quartiere, in una fase di trasformazione per l’intera area. Ai tre Portieri di Quartiere, operatori “senior”, peraltro, si affiancheranno entro la prossima primavera 10 giovani portieri tra i 18 e i 35 anni che verranno selezionati tramite un bando per tirocini extracurriculari che sarà pubblicato nelle prossime settimane.
I Portieri di Quartiere attiveranno costantemente relazioni con i cittadini e con le associazioni sul territorio. Il sistema dei “Portieri” avrà anche compiti specifici di informazione e ricezione delle segnalazioni, presenza continua tra parchi e strade, piccole manutenzioni e supporto agli anziani. I tre portieri ed i dieci giovani attraverseranno quotidianamente il territorio di Fontivegge, Bellocchio e Madonna Alta e saranno ben identificabili, indossando una divisa.
A sostegno di questo progetto verrà messo in atto nei prossimi mesi tre chioschi di riferimento, a Fontivegge, Bellocchio e Madonna Alta, dove i portieri saranno presenti in orari prestabiliti per dare informazioni e relazionarsi con i cittadini e verrà attivato un numero verde per comunicare con gli operatori. Il progetto ha una durata di 22 mesi, suddivisa in due fasi, ed un costo complessivo di 488mila euro.