Bullismo, mozione della Dem Porzi alla Governatrice dell’Umbria

Nella quale chiede di attuare la legge regionale e tutte le misure previste da quella nazionale
Perugia

“I recenti episodi di bullismo testimoniano l’urgenza di dare immediata attuazione alla legge regionale ‘n.4/2018’. Per questo chiediamo alla presidente della Giunta, Donatella Tesei, di farlo al più presto e di attivarsi con la presidenza del Consiglio dei Ministri per chiedere di attuare quanto previsto dalla legge nazionale ‘n.71/2017’ con la redazione del Piano d’azione integrato per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo, il codice di coregolamentazione e il Comitato di monitoraggio”. È quanto dichiara Donatella Porzi, consigliere regionale del Pd, annunciando la presentazione di una mozione.

“Nell’aprile del 2018 la Regione Umbria – ricorda Porzi - ha votato all’unanimità una proposta di legge, a firma mia e del consigliere Rometti, che ci consente di essere sicuramente all’avanguardia a livello nazionale, dal punto di vista normativo, per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo. La nostra legge prevede un tavolo regionale di coordinamento per la prevenzione ed il contrasto del bullismo presieduto dalla presidente della Giunta regionale o dall’assessore delegato. La legge nazionale ‘n.71/2017’ prevede, all’articolo 3, l’istituzione del tavolo tecnico per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo, incardinato presso la presidenza del Consiglio dei ministri e coordinato dal Miur, di cui è componente anche la Conferenza Unificata, che si è riunito solo una volta a seguito della sua completa definizione e cioè il 10 luglio 2019”.

“Ad oggi - continua la Porzi - non vi è notizia del Piano d’azione integrato per il contrasto e la prevenzione del cyberbullismo, così come risultano inosservate le previsioni sulla costituzione del Codice di co-regolamentazione, del Comitato di monitoraggio e delle campagne di informazione. Risulta urgente inoltre l’aggiornamento, che la legge prevede ogni due anni, delle Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo (l’ultima risale al 25 ottobre 2017). Anche il Comitato sui diritti dei minori ONU – conclude Donatella Porzi -, nelle Osservazioni conclusive 2019 sullo stato di attuazione della Convenzione di New York, ha raccomandato all’Italia di adottare e attuare un Piano d’azione integrato come previsto dalla legge ‘n.71/2017’”.