Perugina, Hub internazionale del cioccolato

San Sisto si conferma polo produttivo di eccellenza all’interno del Gruppo Nestlé
Perugia

La Fabbrica del cioccolato Perugina si conferma Hub internazionale e polo produttivo d’eccellenza con l’obiettivo di portare le sue creazioni in tutto il Mondo. Grazie al piano di sviluppo e investimenti cominciato tre anni fa, il Gruppo Nestlé continua a rafforzare la posizione dello storico marchio simbolo del Made in Italy e potenziare lo stabilimento con nuove linee produttive dedicate anche a brand internazionali.

“La vocazione internazionale dell’Hub – dichiara Bruno Emmenegger, Business Executive Manager Divisione Dolciari di Nestlé Italiana – è confermata dal fatto che già oggi il 44% della produzione dello stabilimento è cioccolato premium a marchio Nestlé destinato alle consociate estere del Gruppo, con una produzione complessiva che continua a crescere ed è destinata a diventare sempre più protagonista sul mercato globale”.

Tradizione, innovazione, sperimentazione e creatività sono gli elementi distintivi di Perugina che danno vita alle nuove collezioni: Baci, Perugina Nero, I Granellati e KitKat.

Arrivano Perugina i Granellati per conquistare il mercato internazionale: una nuova linea produttiva e una nuova collezione firmata Perugina per scoprire un nuovo piacere visibilmente autentico: I Granellati. Si tratta di nuove praline con un cuore di morbido cioccolato e una copertura di croccante granella a vista. Ogni pralina è differente dall’altra proprio come se fossero fatte a mano, perfettamente imperfette. Ogni singolo ingrediente viene lavorato nel rispetto della sua freschezza e selezionato per la sua qualità.

Sono quattro le varietà di gusto de I Granellati: Nocciola Tostata, Semi di Cacao, Caramello Salato e Arancia Intensa. Queste praline vengono prodotte per il mercato Italia, Francia e Spagna.

L’affermazione di Perugina Nero: fiore all’occhiello della collezione è Perugina Nero, ambasciatore per eccellenza della marca Perugina e simbolo dei Fondentisti. Nato da una ricetta unica che affonda le sue radici nel 1921, il cioccolato Luisa porta il nome della Spagnoli che intuì ed elaborò il metodo per una sapiente tostatura delle pregiate fave di cacao fino a ottenerne un gusto puro e intenso dal carattere forte e deciso, come quello della terra umbra. Le note aromatiche del fondente raggiungono il palato per offrire un viaggio sensoriale alla scoperta del gusto autentico del cioccolato fondente italiano. Alle tavolette e ai cioccolatini Perugina Nero si aggiunge una novità: Perugina Mini Nero, ancora una nuova esperienza di gusto: massima sottigliezza, gusto puro ed intenso in un formato monoporzione ideale per la degustazione e da accompagnare al caffè.

L’Hub Internazionale del Cioccolato di Perugia fa innovazione per Kit Kat Icon Bunny: Non solo, Perugina. L’Hub internazionale del Cioccolato di Perugia diventa centro di produzione per un nuovo formato stagionale di KitKat: Kit Kat Bunny per il quale è stato investito circa un milione di euro. KitKat lo snack al cioccolato più conosciuto di sempre e con più di 85 anni di storia entra nel mondo delle festività trasformandosi in uno spiritoso coniglietto. Un importante investimento del Gruppo per una nuova linea dedicata ad un brand internazionale e un prodotto destinato anche per i mercati esteri.

E naturalmente anche i Baci Perugina hanno saputo innovarsi nel corso degli anni, dove la sfida è stata quella di mantenerne inalterata la ricetta originale, la stessa dal 1922, con solo otto ingredienti naturali, creando un’armonia tra forma e dimensione del prodotto, per poter garantire al consumatore una esperienza di degustazione davvero appagante.

Un’evoluzione di stile che ha coinvolto i cartigli. Sono state infatti selezionate ben 129 frasi nuove più attuali e contemporanee. Grazie alla scelta di nuovi autori, in grado di dare voce alle tante sfaccettature dell’amore: passione, amicizia, affetto, emozioni. Oggi i cartigli sono tradotti anche in diverse lingue: Cinese, Arabo, Inglese Francese e Portoghese.I Baci Perugina hanno saputo innovarsi anche nelle diverse varianti di gusto. L’ultima innovazione, in edizione limitata, riguarda i Baci Rosa, con il cioccolato definito di quarta generazione, il cioccolato Ruby. Una vera e propria rivoluzione il cui successo ha portato la limited edition ad essere protagonista anche per la stagione 2019/2020, supportata da un importante piano investimenti in comunicazione, con la realizzazione di un nuovo spot.

Il successo di Baci Perugina continua anche nelle attività all’estero dove oggi viene esportato in 55 Paesi. Perugina guarda con grande attenzione all’Asia che ricerca la qualità di prodotti di importazione e apprezza il gusto italiano anche nel cioccolato. La sfida rimane quella di andare incontro alle aspettative del consumatore: ecco allora che l’azienda lavora per creare delle experience di marca che partono dal digital per poi far vivere la creazione di Baci sul punto vendita nella sua artigianalità, con demo e calligrafi che regalano messaggi personalizzati. Baci Perugina ha inoltre sviluppato nuove confezioni per le festività più rilevanti nei singoli mercati: passiamo dal Ramadan nel Middle East al Thanks Giving in America e la festa della mamma in Russia.

Marco Muratori, direttore dello stabilimento Perugina di San Sisto si è così espresso: «Il nostro obiettivo è di far vedere come la fabbrica si evolve. Grazie a questi nuovi prodotti ci stiamo muovendo non solo per il mercato italiano ma anche per quello estero, oltre ad andare così con orgoglio incontro alle esigenze dei consumatori».  
«Il nostro obiettivo – ha aggiunto Muratori – era di riuscire ad essere un hub internazionale. Tutte le aspettative sono positive perché abbiamo nuovi prodotti da commercializzare e quindi siamo contenti di dare al mercato qualcosa di diverso ma anche di continuare nel solco della tradizione e quindi continuare a produrre il Bacio Perugina». E infine riferendosi ai dipendenti dello stabilimento: «Con 613 persone in questo momento abbiamo un organico corretto per produrre tutti i nostri prodotti e portarli in tutta Europa».