“Priorità vaccinazioni agli atleti umbri che partecipano ai Giochi Paralimpici di Tokyo”

Ad affermarlo è il vicepresidente dell’Assemblea legislativa, Paola Fioroni (Lega)
Canali:
Argomenti correlati
Perugia

“Gli atleti umbri che parteciperanno ai Giochi Paralimpici di Tokyo, in programma dal prossimo 24 agosto, saranno sottoposti con priorità a vaccinazione anti-covid: grande soddisfazione per questa decisione che raccoglie l’appello degli atleti e del Comitato Paralimpico, assicurando la partecipazione dei nostri atleti in sicurezza”. Ad affermarlo è il vicepresidente dell’Assemblea legislativa, Paola Fioroni (Lega).

“Ho avuto modo di confrontarmi su questo tema in più occasioni con il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Umbria, Gianluca Tassi – fa sapere Paola Fioroni - il quale mi ha rappresentato la necessità di garantire agli atleti che parteciperanno alle competizioni olimpiche il massimo grado di sicurezza. Per questo motivo ho sollecitato e sensibilizzato l’Assessorato alla Sanità e le strutture preposte affinché si potesse ottenere quanto prima l’autorizzazione a vaccinare gli atleti in partenza”.

“Oggi - prosegue la Fioroni - abbiamo finalmente un provvedimento ufficiale che dispone la vaccinazione prioritaria per tutti gli sportivi che andranno a comporre la delegazione italiana di cui farà parte anche l’atleta umbro Riccardo Menciotti, già medagliato nel nuoto ai Mondiali Paralimpici di Londra nel 2019 che potrà quindi dare ancora grandi soddisfazioni alla nostra regione”.

“Dobbiamo essere consapevoli - commenta Fioroni - che siamo di fronte a persone ed atleti straordinari, con anni di preparazione intensa per poter rappresentare l’Italia e l’Umbria nella competizione sportiva più importante del mondo. Rappresentanti dello sport paralimpico – conclude - che nella nostra società costituisce un fondamentale strumento di benessere e inclusione. Voglio pertanto esprimere anche un plauso all'assessore Luca Coletto e a tutte le strutture competenti che si stanno muovendo al fine di garantire questa priorità nella vaccinazione”.