Sgomberata palazzina-rifugio dei senzatetto

Si provvederà quanto prima, ha assicurato il Comune, a transennare l’immobile in maniera tale da renderlo inaccessibile
Perugia

Blitz della polizia locale venerdì 9 luglio in un edificio all’ingresso del parco della Pescaia a Perugia. Come riporta lo stabile di proprietà privata da tempo giace in stato di totale abbandono ed era già stato oggetto anche di recenti sopralluoghi e verifiche sullo stato di degrado dell’immobile da parte delle forze dell’ordine. Nel sopralluogo di venerdì è stato trovato nello stabile un extra comunitario all’interno di locali in totale incuria e di precarie e preoccupanti condizioni igienico-sanitarie. Immediatamente gli agenti hanno provveduto a far evacuare l’immobile e il Comune ha provveduto a richiedere l’immediato intervento degli operatori ecologici della Gesenu per la bonifica e igienizzazione dei locali. Si provvederà quanto prima, ha assicurato il Comune, a transennare l’immobile in maniera tale da renderlo inaccessibile.

La situazione nella zona resta comunque estremamente complessa.
“Gli agenti del Corpo sono intervenuti anche in via Marsala – spiega l’assessore comunale alla Sicurezza - accompagnati dagli assistenti sociali del Comune per controllare e gestire la delicata situazione familiare di un minore i cui genitori sono agli arresti domiciliari. Altri agenti, quindi, sono stati impegnati nei locali dell’ex carcere di via Fiorenzo di Lorenzo, dove ignoti sono entrati abusivamente dopo aver divelto uno degli ingressi della struttura che sarà ripristinato al più presto dall’ufficio competente del Demanio che è stato immediatamente contattato dall’Ufficio Sicurezza Urbana per segnalare l’accaduto. Infine, c’è stato l’intervento in via Fonti di Veggio all’immobile ex Gesenu per sgomberare un bivacco improvvisato all’esterno". "Ringrazio – ha concluso Merli - gli uomini della polizia locale. Azioni come queste, peraltro, sono solo una parte delle attività che quotidianamente i nostri agenti compiono anche in sinergia con le altre forze dell’ordine”.