L'Ospedale di Perugia contro la violenza di genere

L'iniziativa del Santa Maria della Misericordia per sensibilizzare l'opinione pubblica
Perugia

Oggi, 25 novembre, in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, la Direzione aziendale in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia dell’Ospedale di Perugia (C.U.G.), ha organizzato una simbolica iniziativa al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla violenza di genere,  fenomeno su cui va posta particolare attenzione, soprattutto in questo momento di emergenza pandemica, testimoniato da un aumento di casi di violenza fisica e psicologica sulle donne tra le mura domestiche.

L’iniziativa, nel pieno rispetto della normativa sull’emergenza, ha visto protagoniste alcune professioniste impegnate in prima linea alla lotta contro il virus che hanno scatatto alcune foto davanti alla panchina rossa che si trova nei pressi del secondo ingresso dell’ospedale, simbolo di questa giornata, sopra alla quale sono state poste un paio di scarpe rosse in ricordo delle vittime di violenza.

Il commissario straordinario Marcello Giannico ha voluto ricordare che: ”L’ospedale di Perugia è un punto di riferimento certo per le donne vittime di violenze fisiche e psicologiche.

Abbiamo percorsi dedicati organizzati, nonostante la rimodulazione dovuta al Covid, e professionisti che assicurano la massima attenzione e sostegno alle donne che si rivolgono a noi”.

Nell’Azienda ospedaliera di Perugia ci sono due percorsi dedicati per accogliere le vittime di violenza di genere.

Uno dei due percorsi è rivolto alle persone adulte, mentre l'altro è rivolto alle vittime in età pediatrica.

L’accesso in Pronto Soccorso con codice rosa - trasformato in codice rosso dalla normativa nazionale - può essere diretto e spontaneo della vittima, attraverso l'intervento del 118 o delle Forze dell’ordine.

Il commissario Giannico ha anche ufficializzato i casi di accesso al Pronto Soccorso ginecologico del 2020 per violenza sessuale: vi hanno fatto ricorso fino ad oggi 9 donne contro gli 8 casi del 2019.

Restano praticamente immutati gli accessi al Pronto Soccorso generale per maltrattamenti fisici e psicologici: 112 nel 2018 e 117 nel 2019.