Consegnati premi in memoria di Daniela e Margherita

A Laureati nell’Università di Perugia
Argomenti correlati
Perugia

"E’ senza dubbio un modo particolare di ricordare una giornata triste ed una vicenda drammatica che però ci porta a riflettere sul lavoro nella pubblica amministrazione fatto di tanti dipendenti che ogni giorno sono a contatto con la realtà sociale e con i problemi di ciascuno di noi e cercano soluzioni". 

La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini ha voluto sottolineare questo concetto ricordando Daniela Crispolti e Margherita Peccati, le due dipendenti regionali uccise il 6 marzo del 2013 mentre erano al lavoro nel proprio ufficio nella sede del Broletto a Perugia. E lo ha fatto in occasione della consegna del "Premio in memoria di Daniela Crispolti e Margherita Peccati", a due giovani neolaureati dell''Università di Perugia, Ermenegildo Parenti di Avellino e Deborah Rofani di Perugia.    

La cerimonia si è svolta nel salone d''Onore di palazzo Donini, alla presenza dei familiari delle due impiegate uccise. "Penso che questo premio - ha affermato la presidente Marini - rappresenti il modo migliore per onorare la memoria di Daniela e Margherita, e ricordarne la loro grande qualità umana e professionale, oltre che il loro quotidiano ed esemplare impegno lavorativo di pubblici dipendenti. A questi giovani neolaureati non consegniamo solo un 'premio', ma anche una opportunità , quella di poter conservare e valorizzare la memoria del lavoro di Daniela e Margherita, come delle altre migliaia di lavoratrici e lavoratori pubblici che costituiscono la parte migliore della Pubblica Amministrazione ed il cui impegno molto spesso passa in secondo piano rispetto a notizie di cronaca che raccontano vicende negative di una minoranza di dipendenti".   

Per questa edizione 2015 del premio, la commissione, nel valutare le sei tesi pervenute, ha assegnato il riconoscimento ex aequo a due vincitori: Ermenegildo Parenti di Avellino per la tesi: "Appalti: legislazione europea e analisi economica con relatore il prof. Marco Boccaccio - Dipartimento di Economia dell'Università degli studi di Perugia, Laurea Magistrale in amministrazione e legislazione aziendale. Attualmente il dott. Parenti sta svolgendo il tirocinio extracurriculare presso il Comune di Perugia dove seguirà i progetti di "Perugia Smart city".  

L'altro vincitore è Deborah Rofani di Perugia, laureata in Giurisprudenza, con l'elaborato dal titolo: "L'ossimoro della semplificazione in materia di appalti pubblici" con relatore il prof. Antonio Bartolini. Per la dott.ssa Rofani è stato attivato il tirocinio extracurriculare presso l'azienda ospedaliera di Perugia, dove approfondirà l'applicazione del Codice degli appalti ai fini della gestione autonoma nell''espletamento delle fasi di gara. Essere in grado di espletare, in via il più possibile autonoma, qualsiasi tipo di procedura: sopra e sotto soglia comunitaria, procedura aperte, ristrette, negoziate, cottimi fiduciari, per l'acquisto di servizi, forniture e per i lavori. Redazione dei verbali di gara, dei  capitolati, delle lettere d'invito, delle delibere per gare sopra e sotto soglia comunitaria; acquisti in economia; assistenza durante le sedute di gara per verificare la correttezza della documentazione e delle offerte; utilizzo sistema Mepa e Sda. I tirocini sono iniziati il 2 novembre 2015 e termineranno il 2 maggio 2016.

Stefania Romizi e Gloria Sestito, con il punteggio di 90/100, hanno ottenuto invece la segnalazione di eccellenza. Stefania Romizi, di Castiglione del Lago per l'elaborato "Il bilancio partecipativo in Italia: una ricognizione sullo stato dell'arte", con relatore il prof. Luca Bartocci del Dipartimento di Economia dell 'Universitá degli  Studi di Perugia, Laurea Magistrale in Amministrazione e legislazione aziendale; Gloria Sestito di Perugia, laureata in Giurisprudenza, con l''elaborato "Il Principio di trasparenza e l'autorità nazionale anticorruzione" con relatore il prof. Antonio Bartolini dell'Università degli Studi di Perugia.  Il premio è stato promosso dalla giunta regionale per onorare la memoria delle due dipendenti uccise.   Formalmente istituito con la legge 23 del 2014, è giunto alla sua seconda edizione e consiste in due assegni del valore di 6 mila euro ciascuno e l'accesso ad un tirocinio extracurricolare nella pubblica amministrazione. L'importo per il vincitore e' suddiviso in 3.000 euro per il premio e 3.000 euro per lo svolgimento del tirocinio della durata di sei mesi.