Aggredisce e deruba la madre, poi la rinchiude in casa

La donna chiede aiuto alla Polizia. Il giovane viene arrestato
Perugia

La Polizia di Stato - Squadra Volante, della Questura di Perugia, è intervenuta in una zona periferica del Comune di Perugia, presso l’abitazione di una famiglia, a seguito di richiesta di aiuto da parte di una donna che era stata prima aggredita dal figlio e poi chiusa in casa dallo stesso.

Gli Agenti, una volta giunti sul posto, riuscivano ad entrare nell’ abitazione e prestavano soccorso alla donna, terrorizzata da quanto accaduto, sottraendola alle violenze del figlio.

Emergeva come quest’ ultimo, ricevuto un diniego ad una richiesta di denaro, devastava l’abitazione danneggiando i mobili e gli infissi, per poi aggredire e spintonare la madre, facendola cadere in terra al fine di impossessarsi dei soldi.

Il figlio, ventenne, cittadino italiano, veniva rintracciato all’interno della sua camera da letto, ove aveva occultato il denaro rapinato alla madre, che veniva recuperato e restituito alla stessa.

Dalle prime attività d’indagine emergeva che la Polizia era già intervenuta presso la stessa famiglia per i comportamenti violenti del figlio, che facevano emergere come da tempo la donna era diventata oggetto di veri e propri maltrattamenti.

Il ventenne veniva pertanto tratto in arresto per i reati di maltrattamenti in famiglia e rapina ed associato presso la Casa Circondariale.

Il Tribunale di Perugia, dopo aver convalidato l’arresto, su richiesta del Pubblico Ministero disponeva per il giovane la Misura Cautelare della Custodia in Carcere.