Cgil in lutto per la morte di Colombo Manuelli

Ha saputo utilizzare la sua arte per portare avanti un’ideale alto di uguaglianza e giustizia sociale
Perugia

La Cgil dell’Umbria esprime profondo cordoglio per la morte di Colombo Manuelli, artista perugino da sempre vicino al movimento dei lavoratori, le cui opere esprimono alti valori sociali e morali. Proprio nella sede della Camera del Lavoro di Perugia è esposta l’opera “Metalmeccanici”, del 1980, donata dallo stesso artista alla Cgil, di cui si sentiva a tutti gli effetti un “compagno”. Altra opera particolarmente significativa è il monumento “Per Gramsci 1989”, che l’artista volle posizionare accanto alla ciminiera dell’ex Perugina in zona Fontivegge a Perugia, per rimarcare il filo rosso che lega il sostenitore del movimento operaio alla storia economica e civile della città.

"Colombo era l’artista, il compagno artista - afferma Vincenzo Sgalla, segretario generale della Cgil dell’Umbria - Abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo, perché frequentava la nostra sede e qualche volta ci rimproverava amichevolmente di non comprendere appieno le sue opere. Ha sempre avuto un'innata simpatia per la sua Cgil e per i lavoratori che naturalmente era ricambiata. Ha saputo utilizzare la sua arte per portare avanti un’ideale alto di uguaglianza e giustizia sociale. La Cgil si stringe attorno ai familiari, agli amici e ai compagni di Colombo".