Addio a Saverio Ripa di Meana, manager amante della cultura

È stato anche un grande presidente di Umbria Jazz
Perugia

E' morto all'età di 85 anni, dopo alcuni mesi di malattia, Saverio Ripa di Meana. Così Perugia dice addio a una delle figure che più hanno marcato la storia del suo sviluppo industriale e culturale. Ripa di Meana è stato infatti dirigente del gruppo Buitoni, di Perugina e di Nestlé e consigliere regionale indipendente nel Pci. 
Saverio Ripa di Meana è stato presidente dell'Associazione Umbria jazz dal 1991 al 1998.
Lo stesso festival umbro ha espresso "la più profonda tristezza".
    Umbria jazz ha sottolineato che quella con Ripa di Meana presidente è stata "una fase di grande crescita".
"Ripa di Meana - ha aggiunto - ha guidato la manifestazione con la signorile passione e la sobrietà di modi che erano tratti caratterizzanti della sua personalità, assieme alla professionalità del manager e al rigore dell'amministratore. Alla sua famiglia l'abbraccio di chi con lui ha condiviso impegno, entusiasmo, soddisfazioni".
    I funerali si terranno mercoledì alle 16 nel duomo di Perugia.


"Apprendo con dispiacere della scomparsa di Saverio Ripa di Meana, tra i protagonisti della grande consacrazione di Umbria Jazz, nel ruolo di Presidente dell'Associazione tra il 1991 ed il 1998": lo afferma l'assessore alla cultura della Regione Umbria, Paola Agabiti.
"Manager attento, grande appassionato, viene ricordato per le particolari doti umane e professionali. A nome mio personale e della Regione Umbria - conclude Agabiti - giungano alla sua famiglia sentite condoglianze".