Lega, raccolte in Umbria molte firme contro l’immigrazione incontrollata

L'occasione ha permesso anche di ottenere numerosi tesseramenti
Perugia

Risultato di tutto rilievo quello ottenuto in Umbria dalla Lega nella raccolta firme "Stop invasione - ", organizzata per dire una parola forte contro l'immigrazione clandestina incontrollata, lo sfascio del sistema di accoglienza e l'autorizzazione di rinvio a giudizio del leader Matteo Salvini per aver difeso i confini d'Italia.   

Nei gazebo allestiti sabato 1 e domenica 2 agosto, gestiti dai volontari Lega delle varie sezioni umbre,  è stato raccolto un totale di 1.156  firme.
Intanto 40 immigrati sono fuggiti dalle strutture di accoglienza di e , nelle quali erano stati mandati dal ministro Lamorgese e hanno fatto perdere le loro tracce.
Gli sbarchi in Italia sono aumentati in maniera esponenziale e con il rischio di nuovi contagi, a farne le spese sono i cittadini che per mesi hanno rispettato il lockdown.
L'occasione ha permesso anche di ottenere numerosi tesseramenti che vanno a confermare il trend positivo di consensi nella nostra regione.