Avvistati ladri nella zona fra Prepo e via Settevalli

Un residente ha lanciato l'allarme tramite un messaggio via Wathsapp
Perugia

“C'è un ladro in giardino, attenzione”. La segnalazione di un residente della zona di Prepo ha fatto partire il tam tam tra i vicini per l'allerta ladri.
Come riporta , l'allarme lanciato tramite Whatsapp ha fatto presto il giro tra i proprietari delle abitazioni dal Toppo a via Settevalli, per fornire un identikit dell'uomo che ha violato impunemente una proprietà privata.
Considerando anche come le aree tra Prepo e via Settevalli, come tutte quelle accanto alle uscite del Raccordo Perugia Bettolle e della E45, siano maggiormente prese di mira dai ladri, proprio per la possibilità di scappare più velocemente se scoperti. Basta un'auto vicina col motore acceso e, con o per fortuna senza bottino, sono pronti alla fuga in ogni direzione possibile.
«Quando ci siamo accorti è scappato prosegue il messaggio del residente -. Giovane, alto e longilineo, capelli castani, carnagione chiara, vestito con tuta azzurra e bianca. Ho segnalato anche alla polizia, che mi ha consigliato di far girare info nel quartiere. Chi ha telecamere magari controlli se vede qualcuno di sospetto rispondente alla descrizione».
Il residente, dopo l'iniziale e comprensibile paura, ha immediatamente chiamato il 113, nella speranza magari di bloccare sul nascere i piani di chi si intrufola nelle case approfittando dell'assenza o della disattenzione di chi ci vive.
Ma ad allarmare, in questo caso, è stato proprio l'orario: un momento della giornata in cui l'uomo e la sua famiglia erano tra le mura domestiche, dove ci si sente più al sicuro. Questa visita assolutamente non gradita, invece, fa sentire violati prima ancora che un eventuale ladro riesca nel suo intento di portar via oggetti preziosi e ricordi. A maggior ragione se non è stata l'unica casa visitata da ospiti non invitati.
«La polizia conclude infatti il messaggio - dice che in questi giorni ci sono diverse segnalazioni simili e consiglia massima attenzione tra le 20 e le 21. Grazie».