Per Vissani la green pass ristoranti è una follia

“Ma se dovesse essere l'unico modo per evitare le chiusure dei locali, che green pass sia!”
Perugia

"Il green pass per accedere al ristorante è una follia, ma se dovesse essere l’unico modo per evitare le chiusure dei locali, che green pass sia!" è il parere di chef Gianfranco Vissani e suo figlio Luca rispondendo all’unisono sull’ipotesi di fare ricorso a questa strategia nei ristoranti al chiuso. Il famoso chef analizza la situazione in una conversazione con l’ mentre sono nel pieno del lavoro che li vede impegnati dal mercoledì alla domenica nella loro tenuta a Baschi, in provincia di Terni.

"Se non impariamo a convivere con questa situazione sanitaria varianti incluse, mentre si cammina per uscirne, sarà uno sfacelo per l’Italia. Dopo due anni così dove chi ha goduto del reddito di cittadinanza è stato al sicuro e chi, invece, è finito in Cig ha fatto la fame, due anni in cui la gran parte delle attività hanno avuto perdite stratosferiche, mentre c’è chi ha incassato cifre inimmaginabili lavorando in un settore merceologico legato alla sanità e chissà che non si auguri altre varianti, dopo tutto questo serve un governo che agisca con chiarezza e si renda conto della realtà. E, invece, leggiamo parole assurde di esponenti politici che vogliono dare lezioni agli imprenditori. Inaccettabile. Gli imprenditori non hanno il panno caldo dello stipendio sicuro a fine mese come i politici e ritengono preziosi i propri dipendenti" arringano.

Nessuno ha pensato a calmierare le bollette ("ora sono anche aumentate"), mentre la gente "non esce facilmente di casa e gli stranieri che arrivano in comitiva storcono il naso quando gli chiediamo di rispettare il distanziamento fino a decidere di andarsene". Quindi un po' di conti: "Le nostre spese si aggirano intorno ai 100mila euro l’anno solo di luce, senza contare il milione di euro di fatturato perso durante il lockdown". Infine la chiusura: "I politici dicono sempre le stesse cose da 30 anni in un Paese, l’Italia, che è il più tassato del mondo. Un Paese in cui ci sono pensioni ridicole, da fame vera, e in cui chi ha davvero bisogno non è tutelato, salvo eccezioni naturalmente perché se da un lato il reddito di cittadinanza sarà andato anche a chi effettivamente ne aveva necessità, in molti altri casi è andato a chi nel frattempo lavorava in nero".