Effetto green pass sui certificati di malattia in Umbria: +32%

Raddoppiano a Terni, triplicano a Todi
Perugia

L'introduzione obbligatoria del green pass per entrare al lavoro ha avuto un effetto diretto sui certificati di malattia. Il numero dei lavoratori rimasti a casa è salito in maniera esponenziale nella giornata di venerdì 15 ottobre. Un aumento del 32 per cento di certificati di malattia fino a tre giorni per assenze dal lavoro nel settore privato è stato rilevato in Umbria nel raffronto tra i dati del 15 ottobre, primo giorno di entrata in vigore del Green pass obbligatorio, e lo stesso giorno della settimana precedente.
Secondo i dati forniti da Inps Umbria in totale a segnalare la propria malattia sono stati 155 lavoratori del settore privato contro i 117 dell’8 ottobre. L’aumento è addirittura superiore alla media nazionale che si attesta a + 22, 6%.
Il dato più significativo è quello che riguarda Terni: nella città dell’Acciaio, infatti, i certificati di malattia sono addirittura raddoppiati da una settimana all’altra: erano 25 venerdì 8 ottobre, sono balzati a 49 venerdì scorso. A Todi il numero è triplicato: da tre a nove. A Perugia erano 53 i certificati presentati l’8 ottobre, sono saliti a 63 venerdì scorso. 
Stabile, invece, il numero per quanto riguarda Foligno. 
Riguardo ai certificati di malattia per assenze dal lavoro oltre i tre giorni, dai dati è emerso un aumento del 26% tra l’8 e il 15 ottobre.