Ruba la borsa a una signora al Parco Mendez e fugge col Minimetrò

Giunto al capolinea fugge nel percorso verde ma viene trovato e arrestato
Perugia

Nel Parco Chico Mendez di Perugia, due amiche con i rispettivi figli, si sono sedute su una panchina appoggiando le borse sul tavolo. A un tratto una delle due ha notato un giovane che, con azione fulminea, afferrava la borsa dell’amica e si dava alla fuga. Immediata la reazione della vittima, una perugina del ’77, che ha tentato di afferrare la borsa e di riappropriarsene ma invano. Il ladro, dopo aver strattonato la donna, si è dato alla fuga, inseguito da altri tre ragazzi che avevano assistito alla scena.

Attivata da una chiamata al 113, la Volante si è accorta che il ladro aveva raggiunto la stazione del Minimetrò alla "Cortonese" ed era salito su un vagoncino. La prossima stazione era al capolinea di Piazza Umbra Jazz. Dato che l’itinerario che stava seguendo il ladro per fuggire lo avrebbe costretto a transitare nei pressi della Questura, i poliziotti che si trovavano in servizio in sala Operativa si sono affacciati sulla terrazza del V piano scorgendo il giovane che si allontanava dalla fermata del Minimetro’ in direzione del Percorso Verde. Guidati dai colleghi, gli operatori su strada riuscivano a rintracciare il fuggitivo, introdottosi all’interno dell’area del percorso verde nel tentativo di far perdere le proprie tracce.

Accortosi di essere stato raggiunto e localizzato, il ladro cercava rifugio all’interno del bar della Bocciofila Comunale ove veniva, infine, bloccato dagli agenti.

Accompagnato in Questura è stato identificato per un 20enne di nazionalità nigeriana ma nato e residente a Perugia con alcuni pregiudizi per reati contro il patrimonio. Perquisito, occultava nei boxer il cellulare e i soldi rubati poco prima. In tasca, inoltre, i poliziotti trovavano anche una tessera del minimetrò intestata ad una donna ed in merito alla cui provenienza il nigeriano non sapeva dare spiegazioni. Inevitabili per il ladro le manette: arrestato per furto con strappo e denunciato per ricettazione, è stato collocato agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo.