Bori (Pd): “Approvare equo compenso per tutelare lavoratori autonomi e liberi professionisti”

In una nota l'invito del consigliere regionale ai colleghi dell'Assemblea Legislativa dell'Umbria
Argomenti correlati
Perugia

“L'adozione dell'equo compenso è una scelta per tutelare i lavori autonomi e liberi professionisti. Con un atto che recepisca questi principi e il divieto di clausole vessatorie, a partire dai contratti della pubblica amministrazione, si possono cambiare le cose”. È quanto dichiara il capogruppo del Partito democratico a Palazzo Cesaroni, Tommaso Bori.

“Oltre la metà delle regioni italiane - ricorda Bori - ha già fatto proprio questo principio che permette, in virtù della legge nazionale, di garantire a tutti i lavoratori autonomi destinatari della normativa, il diritto di essere pagati con una parcella proporzionata e conforme alla legge, che preveda un compenso minimo equo ed adeguato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto. Invito dunque le forze politiche presenti nell’Assemblea Legislativa e i colleghi consiglieri a riprendere insieme il cammino verso l’approvazione di questo provvedimento, il cui iter era già stato avviato nella scorsa legislatura e prematuramente interrotto”.

“Come è noto - conclude Bori - la crisi economica, causa principale delle tante difficoltà vissute, negli anni, dal mondo delle professioni, si sta riacutizzando, a seguito dell’emergenza sanitaria in corso. E ciò rende ancora più necessario intervenire con urgenza al fine di tutelare al più presto il lavoro autonomo ed i tanti professionisti della nostra regione, promuovendo una norma che riporta al centro il valore delle loro prestazioni, a tutela del loro futuro e a garanzia della qualità complessiva del sistema pubblico e privato”.