Furti e droga, l'associazione dei residenti di Porta Pesa dice basta

L'area necessita di più controlli e di un progetto di riqualificazione
Perugia

I residenti di Porta Pesa sono arrivati al limite: tra furti, droga e spaccio la situazione della zona ha raggiunto livelli insostenibili.

Il quartiere di Porta Pesa, oltre a quello di Borgo Sant'Antonio, sono recentemente stati oggetto di ripetuti furti e numerosi episodi di spaccio.

L'associazione di quartiere si è quindi mobilitata per chiedere al Comune e in particolare all'assessore Luca Merli un "cordone sanitario" intorno agli istituti scolastici, intorno ai quali è stata segnalata la presenza di numerosi spacciatori e tossicodipendenti, e più controlli sugli affitti dei locali, molto spesso, come ha evidenziato l'associazione, affittati a soggetti pregiudicati o con permesso di soggiorno irregolare.

Un'altra urgente richiesta è quella di progetti di riqualificazione, per evitare che la situazione diventi più grave di quanto non sia ora. E' quindi necessario, secondo l'associzione, accelelare gli interventi previsti dal Comune di Perugia per migliorare il decoro, iniziando con il rifacimento dei manti stradali e all'aumento e miglioria dei servizi per i residenti, oltre al rilancio del progetto centro commerciale naturale, il sostegno ai negozi di vicinato, l'accelerazione sul Pums e la definizione del piano parcheggi pertinenziali.