In Umbria continua la crescita degli attualmente positivi

Ora giunta a 837 dopo aver toccato a metà mese un minimo di 540
Perugia

In Umbria continua la crescita degli attualmente positivi, ora 837 dopo aver toccato a metà mese un minimo di 540; 79 i casi nelle ultime 24 ore, durante le quali non è stato registrato alcun decesso (1.461 in totale). Contagi trovati analizzando 2.031 tamponi molecolari e 8.570 rapidi antigenici, per un tasso di positività sul totale pari allo 0,74 per cento. Alla crescita dei casi non si accompagna un aumento dei ricoveri, passati da 40 a 39 dei quali cinque (+1) in terapia intensiva. Quasi 800, infine, le persone in isolamento contumaciale.
Si mantiene stabile rispetto a martedì il livello del contagio nelle scuole dell’Umbria. Secondo gli ultimi dati della Regione, aggiornati a venerdì, gli alunni positivi sono 39, tre in più rispetto a pochi giorni fa, mentre tra prof e resto del personale i casi passano da 11 a 8. Per quanto riguarda i ragazzi, la quasi totalità dei casi si registra tra scuole dell’infanzia (16) ed elementari (16), mentre sono più bassi e sostanzialmente stabili i numeri alle medie (3) e alle superiori (4). Tutti gli otto membri del personale contagiati invece lavorano nelle scuole dell’infanzia. Nel complesso, le classi in isolamento tra asili e infanzia in tutta l’Umbria passano da sei a nove e da quattro a otto alle elementari; segno più anche per medie (da due a tre) e superiori (da una a cinque).

  I cluster passano da quattro a sei e i contatti stretti in isolamento da 292 a 545, concentrati perlopiù tra infanzia ed elementari. Quasi 600 infine (545) gli alunni «in attenzione», ovvero sottoposti a sorveglianza sanitaria e tampone antigenico senza quarantena.
Il contagio quindi si concentra essenzialmente tra i bambini più piccoli, mentre nella fascia 12-19 anni ormai due adolescenti su tre, come emerso dal report del governo di venerdì, hanno ricevuto anche la seconda dose di vaccino.