Coronavirus: a Pasqua e Pasquetta aperte solo edicole, farmacie e parafarmacie

La Regione ha emesso un’ordinanza che prevede la chiusura di tutte le attività commerciali
Perugia

A Pasqua e Pasquetta, 12 e 13 aprile, resteranno aperte solo edicole, farmacie e parafarmacie. La Regione Umbria, in considerazione della situazione di emergenza scaturita dalla pandemia da Coronavirus, ha emesso un’ordinanza in occasione delle festività che prevede la chiusura di tutte le attività commerciali, compresi gli esercizi di vicinato, le medie e grandi strutture di vendita e i centri commerciali. 


"Ho accolto con grande soddisfazione la decisione del Governo di consentire la ripresa della silvicoltura e dell'utilizzo aree forestali con il nuovo Dpcm deputato a dare il via a riaperture di alcune attività.  Una decisione importante, che inciderà positivamente sulla corretta gestione del territorio e sull'economia della nostra regione".  È quanto afferma l'assessore regionale all'Agricoltura, Roberto Morroni che nei giorni scorsi, facendosi anche interprete delle richieste del settore, aveva scritto alla Ministra delle Politiche agricole Bellanova per chiedere la ripresa dell'attività di silvicoltura e utilizzo di aree forestali (codice ATECO 02), fermate in conseguenza delle misure contro il contagio da Coronavirus introdotte con il DPCM del 22 marzo 2020, modificato con il DM del 25 marzo 2020.

   Morroni aveva sottolineato come il perdurare del blocco delle attività di taglio del bosco, tenuto conto della stagionalità degli interventi, avrebbe potuto anche determinare serie ripercussioni sulla capacità di approvvigionamento nel prossimo autunno-inverno di una fonte di combustibile come la legna, ampiamente utilizzata per il riscaldamento da circa il 50% delle famiglie umbre.