Controlli antivirus, a Perugia duemila super multe

Per tutti i denunciati fino al 25 marzo sanzioni a partire da 200 euro
Perugia

Il decreto legge anti-virus emanato dal presidente della Repubblica è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ed è dunque entrato in vigore. Nuove modifiche sono state predisposte rispetto alla bozza iniziale, e riguardano in particolar modo, le multe e i reati penali da contestare.


Innanzitutto, chiunque sia stato denunciato fino al 25 marzo 2020 per aver violato il divieto di spostamento, dovrà pagare una multa di circa 200 euro. E questo varrà per tutti.
Qualora poi la condotta sia palesemente illecita, come nei casi di mancato rispetto della quarantena, «salvo che il fatto costituisca violazione dell'articolo 452 del codice penale (delitto colposo contro la salute pubblica) o comunque più grave reato», la violazione della misura verrà punita ai sensi dell'articolo 260 del regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265, Testo unico delle leggi sanitarie, come modificato dal comma 7. Una valutazione della condotta che era stata suggerita anche dal procuratore di Lodi nei giorni scorsi. Al comma 1 dell'articolo 260 del regio decreto le parole «con l'arresto fino a sei mesi e con l'ammenda da lire 40.000 a lire 800.000» sono sostituite dalle seguenti: «con l'arresto da 3 mesi a 18 mesi e con l'ammenda da euro 500 ad euro 5.000». 

Poiché si ritiene che il rischio di pagare poco più di 200 euro è poca cosa per chi ha intenzione di  eludere i divieti, visti anche i ripetuti episodi di assembramento, di partenze ingiustificate, di violazioni di ogni genere. Le denunce presentate da Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e polizie locali solo ieri in Italia sono state oltre 10 mila. È tempo
A Perugia e dintorni sono almeno duemila le persone sanzionate fino alla data del 25 marzo, tra denunce e ammende, nel corso dei controlli messi in campo dalle forze dell'ordine.
  Le disposizioni che sostituiscono sanzioni penali con sanzioni amministrative si applicano anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto, quindi avranno efficacia retroattiva. In questi casi, però, le sanzioni amministrative verranno applicate nella misura minima ridotta alla metà. Vengono ribadite «le limitazioni o divieto di allontanamento e di ingresso in territori comunali, provinciali o regionali, nonché rispetto al territorio nazionale».