Contro la movida selvaggia il Comune di Perugia fa scattare controlli di alcoltest nelle vie d’uscita dal centro

Pattuglie delle Forze dell’Ordine effettueranno i controlli in diversi punti della città
Perugia

Il Comune di Perugia prende provvedimenti contro la movida selvaggia.
Come ribadito durante il tradizionale tavolo tecnico tenutosi in questura per mettere a punto ancora meglio la strategia con cui affrontate un altro fine settimana, è stata annunciata la novità più importante, vale a dire che a partire da questa sera, venerdì 25 Giugno,  verranno effettuati controlli di polizia con l'etilometro a chi esce dalla città, soprattutto a chi esce in auto dal centro.

 Il dispositivo di sicurezza ricalca quello dell'ultimo weekend anche se è previsto l'utilizzo di qualche agente in più.
E dunque Polizia, carabinieri, guardia di finanza, polizia provinciale, polizia municipale e protezione civile comunale, sotto il coordinamento della questura, terranno sotto controllo gli eccessi di gruppi di giovani che salgono in centro storico.

 Insomma, si è deciso di aumentare i controlli dopo che la zona bianca ha aperto il fronte, durante i week end, a situazioni al limite dell'assurdo con i residenti di via Bartolo e zone limitrofe infuriati per come si comporta chi arriva in centro a tarda ora.

Appena una settimana fa i residenti del centro storico di Perugia si sono trovati ancora una volta davanti una città sporca di immondizia e di escrementi: vicoli trasformati in latrine, le scale del duomo invase da immondizia, i muretti dei belvedere colmi di bottiglie di birra vuote e persino l’entrata del posto di Polizia di via Bartolo cosparsa di lattine.
E questo dopo una notte di tormenti e di baccano. Soprattutto non si è potuto riposare e dormire in via Mattioli e in piazza Michelotti, per gli schiamazzi.
Ai cittadini che hanno protestato l’assessore alla sicurezza del Comune di Perugia Luca Merli ha risposto: “La concentrazione nei centri storici è inevitabile dopo un anno e mezzo di restrizioni i giovani si trovano a uscire ma non hanno alternative alle piazze: discoteche e sagre, consueti ritrovi estivi, oggi sono ancora chiuse ed è inevitabile che i giovani confluiscano nei centri principali delle città”. Merli prosegue: “Possiamo limitare l’accesso nei punti caldi, come abbiamo fatto chiudendo un’ora prima , alle 23, la ztl; possiamo potenziare i controlli ma non possiamo blindare un’area della città, gli stessi esercenti si rivolterebbero. Confidiamo nel contenimento che stiamo già riscontrando e nella normalizzazione del fenomeno”.  

 Il piano prevede peraltro un passaggio sin dalla notte della da parte degli addetti di Gesenu per la pulizia di vicoli e vie dell'acropoli. Con le scalette del duomo che verranno particolarmente monitorate.
Non verranno, durante questo weekend, piazzati i bagni chimici su cui punta il Comune per evirare che il decoro del centro scivoli in mille rivoli.
Verranno piazzati nel prossimo fine settimana, data finale della validità dell'ordinanza che vieta la vendita dell’alcol dalle ore 23 fino alle 6 del mattino.