Covid in Umbria, troppi studenti non vaccinati: è rischio dad a settembre

A livello generale tende a crescere il numero dei contagiati
Perugia

In Umbria, come del resto in Italia, tende a crescere il numero dei contagiati che, nella maggior parte dei casi, hanno un’età compresa tra i 14 e 24 anni, sono asintomatici o paucisintomatici.
Invece, gli indicatori di gravità, quindi terapie intensive e decessi, rimangono stabili con 0 decessi e 1 solo posto letto occupato in terapia intensiva: è quanto emerso durante la conferenza stampa settimanale di aggiornamento epidemiologico tenuta dall’assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, insieme al direttore regionale alla Salute, Massimo Braganti e al commissario all’emergenza covid, Massimo D’Angelo, Marco Cristofori e Carla Bietta, del Nucleo epidemiologico regionale.     
  Nel corso dell’incontro l’assessore ha illustrato i dati emersi dallo studio sulla capacità di resilienza dei sistemi sanitari regionali, misurata rispetto alla capacità di mantenimento dei livelli di erogazione dei servizi durante la pandemia, con l’Umbria che ha mantenuto alti i numeri relativi agli screening.  
Il 63% degli umbri tra 12 e 19 anni non ha aderito alla campagna vaccinale anti Covid. La stessa fascia d’età è la più interessata dal contagio, in questo momento in Umbria: l’incidenza settimanale di casi per 100mila abitanti per i 14-18enni è a oltre 124 contro una media regionale che - seppur quadruplicata in una settimana - sta a 22.
“Ciò dimostra – ha detto Coletto – che, nonostante la Pandemia, sono stati portati avanti i controlli”.
Relativamente alle vaccinazioni l’assessore ha precisato che sono stati messi in sicurezza con il ciclo vaccinale completo gli anziani, i soggetti fragili e i caregiver, così come stabilito dai protocolli, mentre il 25 per cento degli umbri non ha ancora aderito alla vaccinazione”.
“Proprio per incoraggiare chi non ha ancora manifestato la volontà di vaccinarsi – ha aggiunto – organizzeremo una campagna per invitare alla vaccinazione”.
Oltre al vaccino l’assessore ha ricordato che sono fondamentali le cure, in particolare le terapie monoclonali: “In sede di commissione salute – ha riferito Coletto – ho sollecitato che questo tipo di terapia venga estesa il più possibile perché funziona e permette di evitare l’occupazione  degli ospedali. Se il limite è quello dei costi – ha aggiunto – bisogna tener presente che la spesa per questa terapia per il sistema sanitario è equivalente a quello sostenuto per il ricovero di un giorno in terapia intensiva”.     
  Il commissario per l’emergenza covid dopo aver ricordato che è stato vaccinato l’85 per cento del personale scolastico e che all’appello ne mancano 4300 di cui 479 ex positivi, ha reso noto che è stata inviata una nota ai dirigenti per sensibilizzare il personale della scuola alla vaccinazione.
  “In Umbria ad oggi sono state somministrate 922.570 dosi di vaccino – ha detto D’Angelo – 541.477 umbri hanno ricevuto la prima dose, 398.819 invece hanno completato il ciclo vaccinale.   Il 35 per cento della popolazione tra 20 e 29 anni non ha ancora aderito alla vaccinazione e la percentuale sale al 63 per cento per la fascia di età 12-19”.
Tra gli aderenti alla vaccinazione nella fascia under 30 si prevede di soddisfare le richieste entro la prima decade di agosto.
“Vogliamo agire sulle fasce in cui il virus agisce di più – ha precisato D’Angelo – e a tal fine sono state richieste ulteriori dosi al commissario Figliuolo che ha accreditato in forma preliminare per l’Umbria ulteriori 15 mila dosi”.

“Vogliamo intervenire sulle fasce in cui il virus agisce di più – ha precisato D’Angelo – e il commissario Figliuolo ha accreditato per l’Umbria ulteriori 15 mila dosi per il 3 agosto”. Se per gli over 80 l’Umbria è tra le prime regioni d’Italia per percentuale di immunizzati - ciò ha permesso di tutelare i fragili riducendo ospedalizzazione e decessi - si sconta un ritardo per gli under 30. Anche perché i vaccini non bastano. E’ una corsa contro il tempo, ora: la scuola inizia il 13 settembre e per evitare la dad si prevede una vaccinazione all’80% degli studenti. Si è più avanti con i docenti: è stato vaccinato l’85% del personale scolastico e che all’appello ne mancano 4.384 di cui 479 ex positivi.

D’Angelo ha inviato una nota ai dirigenti per sensibilizzare alla vaccinazione. E oggi in piazza Italia, Perugia, alle 18,manifestazione degli under 30 che invece chiedono “di essere subito vaccinati per non essere penalizzati dal green pass”, con i divieti che scatteranno per i non immunizzati. Tra gli aderenti alla campagna vaccinale nella fascia under 30 la Regione “prevede di soddisfare le richieste entro la prima decade di agosto”.

Umbria, Rt schizza 3,75. Il 25% della popolazione non prenota il vaccino