Sanitopoli, assunzioni finanziate dalla Regione

Tetto sforato per 15 milioni in un anno spesi per le assunzioni a tempo determinato in ospedale
Perugia

Oggi il Messaggero Umbria dedica un ampio servizio all'inchiesta sulla Sanità.
Nel servizio di Egle Priolo si parla di venticinque milioni in un anno spesi per le assunzioni a tempo determinato in ospedale.
Si stima una spesa di quindici milioni più del consentito, con un tetto che era la Regione dell'Umbria a sfondare continuamente con delibere e atti amministrativi. Una prassi, si diceva nei palazzi e negli stecconi dell'ospedale.
La scelta è ritenuta illegittima dalla procura impegnata nella maxi inchiesta sulla sanità.
Un particolare che emerge da uno degli interrogatori voluti dai pm Paolo Abbritti e Mario Formisano all'ex direttore generale dell'Azienda ospedaliera Emilio Duca, indagato con altre 44 persone e chiamato a difendersi insieme a Luca Barberini, Catiuscia Marini, Gianpiero Bocci, Maurizio Valorosi, Maria Cristina Conte, Rosa Maria Franconi, Diamante Pacchiarini e Antonio Tamagnini, anche dall'accusa di associazione per delinquere.