Polizia scopre quattro clandestini in appartamento di Fontivegge

Il controllo dopo la richiesta dei “domiciliari” fatta da due spacciatori nigeriani
Perugia

Due detenuti a Capanne, nigeriani, ristretti per reati in materia di stupefacenti, hanno chiesto di beneficiare della detenzione domiciliare.

Per accogliere la loro richiesta il Giudice, ha incaricato la Polizia di verificare l’idoneità dell’appartamento, precedentemente non noto, indicato dai due come luogo ove poter usufruire dei domiciliari.

Ma una volta entrati nell’abitazione, sita a ridosso di Fontivegge, i poliziotti della Squadra Mobile hanno trovato, oltre ad un grande disordine e numerosi profilattici sparsi un po’ ovunque, 4 cittadini nigeriani, tre donne ed un uomo.

Dagli accertamenti emergeva che una delle tre donne, del ’94 incensurata, aveva formulato istanza di protezione internazionale mentre l’uomo, del ’98 incensurato, aveva fatto istanza di riconoscimento dello status di rifugiato che era stata respinta.

Le altre due donne, entrambe del ’95, anch’esse prive di pregiudizi, risultavano essere giunte di recente clandestinamente in Italia e quindi irregolari.

Accompagnati tutti in Questura per la compiuta identificazione, le due 22enni sono state espulse e tradotte in un C.I.E. del Centro Italia in attesa di essere rimpatriate.

Avviati anche per gli altri due nigeriani le procedure per il rimpatrio.

In corso le verifiche su eventuali attività connesse con il favoreggiamento o lo sfruttamento della prostituzione.