Abbassare la pressione mangiando vegetariano

Una ricerca dimostra come consumare frutta, verdura, cereali e legumi significa aumentare il contenuto di fibre e di potassio, elementi in grado di ridurre i valori sistolici e diastolici nel sangue
Perugia

C'è un rimedio naturale per abbassare di qualche tacca la pressione sanguigna. Basta rinunciare alla carne e mangiare vegetariano.

Lo dimostra una ricerca delle Università di Osaka e Tokyo, fatta insieme a colleghi di Washington e Pittsburgh. L’analisi è stata pubblicata su Jama Internal Medicine. Dagli studi emerge in maniera evidente come i vegetariani che hanno partecipato allo studio, alla fine avevano una pressione sistolica (massima) di 7 mmHg più bassa rispetto ai mangiatori di carne e una pressione diastolica (minima) di 5 mmHg inferiore. I partecipanti vegetariani ai trial clinici avevano invece, rispettivamente, una pressione di 5 e 2 mmHg inferiore rispetto ai non vegetariani.
«Consumare frutta, verdura, cereali e legumi significa aumentare il contenuto di fibre e di potassio, elementi in grado di ridurre i valori sistolici e diastolici - scrivono gli autori -. Per alcune persone correggere l’alimentazione può bastare a mantenere la pressione nella norma senza ricorrere ai farmaci».