Avvocato accusato di essersi intestato una parte di eredità

Era esecutore testamentario, poi revocato dalla cliente
Canali:
Argomenti correlati
Perugia

Subirà un processo l'avvocato di 75 anni, indagato dalla Procura, per essersi appropriato di una quota di un appartamento lasciato in eredità di cui era prima esecutore testamentario e poi ne era diventato beneficiario.

L’episodio è avvenuto tra il 2012 e il 2014 quando i coeredi gli avevano venduto le loro quote dell’appartamento, per il 95% del totale. L'avvocato ha fatto credere al notaio di avere la procura a vendere la porzione di un immobile assegnata a una delle ereditiere.

Per l'accusa il legale non ha fatto presente al notaio la revoca intervenuta successivamente da parte della cliente e pertanto gli sono state contestate anche le aggravanti di aver commesso il fatto in qualità di avvocato esecutore testamentario.

Per il giudice per l'indagine preliminare, Piercarlo Frabotta, anche l'aggravante è caduta perché il legale avrebbe fatto tutto questo come "compensazione di presunti crediti".

L'appropriazione indebita come la truffa è venuta meno perché si tratta di un reato procedibile solo a querela di parte, ed essendo stata rimessa la denuncia è stato dichiarato ilnon logo a procedere.