Ex mattatoio di via Palermo, il posto delle anime perse

La struttura acquistata da privati è in stato di abbandono e deve essere comunque controllata dalla mano pubblica
Perugia

Ci sono a Perugia strutture interessanti ma abbandonate a se stesse sulle quali sembra assente l’attenzione delle Amministrazioni pubbliche.

Giampiero Tamburi di Perugia: Social City, richiama l’attenzione sull’ex Mattatoio di via Palermo  sul quale ha scritto una nota nella quale dice: ” …nel degrado assoluto in cui viene lasciato l’ex mattatoio di via Palermo ormai da un tempo immemorabile, era normale e da aspettarselo che sarebbe successo anche questo: una parte dei pannelli di compensato che dovrebbero impedire il passaggio di gente indesiderata, sono stati divelti. Un ampio spazio, pochissimo controllato se non addirittura per nulla, non poteva non fare gola ai senzatetto, sbandati e pericolosi, per i cittadini e per la sicurezza dell’intera città, come rifugio per le notti invernali e non solo. Fin da quando è stato abbandonato al suo destino è stato sempre utilizzato alla bisogna, questo tutti lo abbiamo sempre saputo, anche chi doveva prendere i dovuti provvedimenti e non l’ha fatto, e per l’utilizzo, non dovevano fare altro che entrare dal cancello principale lasciato costantemente aperto per permettere alle auto di chi lavora in quella zona, un parcheggio senza costi ma, da qualche tempo, essendosi resi conto della situazione, lo hanno chiuso e quindi; arrangiarsi nelle situazioni non è solo una prerogativa degli italiani come diceva Totò in un famoso film: “italiani le case chiuse armai sono chiuse e quindi arrangiatevi!” ma di tutti e questi “tutti” non hanno aspettato oltre. Avvicinandosi l’inverno hanno pensato bene di provvedere in merito. Posto perfetto e non solo per utilizzarlo come dormitorio! Appartato, poco frequentato di notte perché nella zona insistono solo uffici, un albergo e pochissime abitazioni private e poi, è vicinissimo allo svincolo della super strada, molto pratico per entrare ed uscire dalla città dopo aver fatto i propri acquisti di sostanze tossiche! La struttura è privata! Questo lo sappiamo benissimo ma, ciò non toglie, che, chi di dovere, ogni tanto dia un’occhiata sulla sua situazione di “affittacamere”, tanto da parte delle Forze dell’Ordine quanto dalla Polizia Municipale. Anche se è una struttura acquistata da società private, nulla toglie all’obbligo del Sindaco o chi per esso, di notificare ai proprietari, se non addirittura imporre, l’obbligo di mantenere in maniera adeguata lo stato dell’immobile. Il Sindaco ne ha il potere! Allora è bene che lo eserciti nel rispetto delle Leggi che lo permettono! Ci dicono da tempo immemorabile che esiste già un progetto per trasformare il posto realizzando altre strutture moderne e al passo con i tempi ma, in effetti, questi progetti non vengono mai realizzati ed il perché lo sappiamo: perché la società proprietaria non trova assolutamente chi vuole investire i propri capitali.”.