Cerimonia in ricordo del Carabiniere Angelo Foccià, morì nel '99 in Bosnia

Alla commemorazione la famiglia del militare e le alte cariche dell'Arma
Canali:
Argomenti correlati
Perugia

Si è svolta questa mattina, a Perugia, la commemorazione del Carabiniere Angelo Foccià, deceduto il 3 giugno 1999 in Bosnia Erzegovina. L’evento si colloca nell’ambito della 11a giornata del ricordo dei caduti nelle missioni internazionali per la pace. Per la circostanza, i familiari e l’Arma dei Carabinieri, in servizio attivo e in congedo, hanno ricordato il giovane Carabiniere tragicamente scomparso, all’età di soli 30 anni, nell’adempimento del dovere.

La celebrazione si è svolta presso il cimitero di Castel Del Piano – Bagnaia, dove sono stati deposti dei fiori sulla tomba del militare, a seguito di un breve momento di preghiera, al quale hanno preso parte, tra gli altri, il Comandante della Legione Carabinieri Umbria - Generale di Brigata Massimiliano Della Gala, il Colonnello Giovanni Fabi - Comandante Provinciale dei Carabinieri di Perugia e una rappresentanza dei Carabinieri della Compagnia CC di Perugia e dell’Associazione Nazionale Carabinieri. La funzione è stata officiata dal Cappellano Militare Don Aldo Nigro.

Il Generale Della Gala, al termine del momento di preghiera, ha espresso parole di affetto e vicinanza ai familiari del Carabiniere Foccià, al papà Giuseppe, alla mamma Antonietta e alla sorella Elisabetta. Una vicinanza forte, quella dell’Arma, a dimostrazione che, nonostante l’inesorabile trascorrere del tempo, il legame si rafforza sempre più, nel vivo ricordo di Angelo.