Misteriose scomparse, corruzione e anticorruzione e rapporti tra Massoneria e Chiesa

Saranno questi i temi dei café letterari di Isola del libro Trasimeno, da giovedì 19 a domenica 22 agosto a Passignano sul Trasimeno e Castel Rigone
Passignano

Misteriose scomparse, corruzione e anticorruzione e rapporti tra Massoneria e Chiesa. Saranno questi i temi dei café letterari di Isola del libro Trasimeno, nel secondo ‘lungo’ weekend della nona edizione dell’evento dedicato al libro cartaceo. Giovedì 19 agosto protagonista sarà Alvaro Fiorucci con il suo libro ‘La scomparsa di Adinolfi’. L’incontro, al May Fair Bar di Passignano sul Trasimeno alle 18, sarà moderato dal giornalista Claudio Bianconi e si concentrerà sulla vicenda a lungo al centro di indagini della procura di Perugia che riguarda appunto la scomparsa del magistrato romano Paolo Adinolfi, del quale si persero le tracce la mattina del 2 luglio 1994 a Roma.

Venerdì 20 spazio all’arte fotografica con l’inaugurazione, alle 18, della mostra ‘Venere al volante’ di Luigi Gargiulo, in scena alla Rocca di Passignano sul Trasimeno fino al 7 settembre (orari apertura: 10-13 /15.30 -17.30). Sabato 21 e domenica 22 l’evento si sposterà a Castel Rigone, sulla Terrazza del teatro alle 18, dove si terranno rispettivamente i café letterari incentrati sui volumi ‘Corruzione e anticorruzione. Dieci lezioni’, del procuratore della Repubblica di Perugia, Raffaele Cantone, e ‘Mitra e compasso. Riflessioni sui rapporti tra Massoneria e Chiesa’ del Gran maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi. Nel primo appuntamento, coordinato da Erika Pontini, vice direttore de La Nazione Umbria, si discuterà di come ogni volta che un politico prende decisioni che riguardano la costruzione di opere pubbliche e infrastrutture, oppure sceglie un membro del consiglio di amministrazione di una società partecipata, esiste il rischio di corruzione, mentre nel secondo, cui prenderanno parte accanto all’autore Bisi, Augusto Vasselli, presidente onorario Pa Evolution, e Fabrizio Bracco, professore universitario e storico, si prenderà spunto proprio dal libro di Bisi, costruito come una sorta di appunti di un cronista che attraverso tre secoli racconta fatti e retroscena dei rapporti tra Chiesa cattolica e Massoneria.