Vetrya, il cda approva la proposta di messa in liquidazione

L'assemblea straordinaria sarà convocata il 10 novembre e, all'occorrenza, l'11 novembre in seconda seduta
Orvieto

Il consiglio d’amministrazione di Vetrya, società che ha sede ad Orvieto (società quotata su AIM Italia attiva nello sviluppo di servizi digital, applicazioni, soluzioni e modelli di business abilitati dalla tecnologia della rete internet e delle reti di telecomunicazioni broadband e ultra broadband) ha approvato la proposta di messa in liquidazione. 
Una volta messa in liquidazione la società, si procederà alla riduzione del personale delle attività dismesse a causa di quella che Vetrya definisce una “rilevantissima perdita di fatturato” e si andrà avanti con le attività finalizzate a “verificare la sussistenza dei presupposti per l’accesso alle procedura di concordato preventivo con continuità”. 
Al momento il gruppo, tra Orvieto e le altre sedi italiane, conta 130 addetti.

“Ma l’attività produttiva - spiega il presidente e ad Luca Tomassini - non si fermerà completamente e stiamo procedendo, con l’aiuto di primari studi legali e giuslavoristici, alla verifica delle condizioni per accedere al concordato preventivo con continuità indiretta delle sole aree e direzioni aziendali per le quali è prevista la piena prosecuzione delle attività”. 

La società, una volta concluse nei tempi tecnici necessari le analisti programmate, darà comunicazione in merito “alle iniziative che saranno opportunamente individuate”.