Norcia, no alla messa di Natale fra le rovine

La richiesta è indirizzata all'arcivescovo Renato Boccardo
Norcia

Giampietro Angelini, capogruppo consiliare di "Noi per Norcia", ha inviato una lettera al vescovo mons. Renato Boccardo, per invitarlo a non  celebrare messa della mattina di Natale tra le macerie della concattedrale di Santa Maria Argentea. 
    "In molti a Norcia - scrive Angelini - si stanno chiedendo, e noi siamo tra questi, a che serve spendere migliaia di euro per allestire l'ennesimo spettacolo macabro tra le macerie di una chiesa che, come tutte le altre chiese del territorio, porta in sé la vergogna di una ricostruzione che non parte e la vergogna di regole scritte che non servono a niente se non a mettere al riparo la peggiore burocrazia del nostro sistema Paese".
    "Proprio Lei - si legge nel testo - più di una volta e giustamente, ha sottolineato, quasi gridato, che è finito il tempo delle parole, delle passerelle e degli spettacoli e che è arrivato (anzi, passato) il tempo di mettere mano alla ricostruzione concreta".