BCC di Spello e Bettona: inaugurata la nuova sede di Norcia

Nove milioni di euro nei prossimi 4 anni per finanziare progetti sul territorio
Norcia

di Danilo Nardoni - La BCC di Spello e Bettona, nell’ambito di un processo di crescita ed espansione sul territorio umbro, ha inaugurato sabato 1 aprile la nuova sede di Norcia in via della Stazione n. 10. Si conferma così una banca locale vicina alle esigenze del territorio. Ed in questo caso anche una banca che si muove per contribuire al rilancio anche economico di una parte di Umbria colpita duramente dal recente terremoto. “Soprattutto dopo il sisma il progetto di apertura della sede si è rinforzato di più perché era fondamentale e doveroso dare un segnale di presenza in un territorio che è sempre stato vicino alla banca. Quindi per noi essere al fianco di un territorio come la Valnerina era importante”: lo hanno affermato il presidente della BCC Massimo Meschini e il direttore Maurizio Del Savio, intervenuti all’inaugurazione che ha visto anche la presenza, tra gli altri, dell’onorevole e sottosegretario di Stato Gianpiero Bocci, dell’assessore regionale Luca Barberini e del sindaco di Norcia Nicola Alemanno. “C’è quindi un grande orgoglio per l’apertura della sede di Norcia – ha commentato il presidente Meschini – perché questa rappresenta molto per la banca. Sta a significare che c’è una banca che apre mentre tante altre chiudono e rappresenta un momento di espansione importante legato ad un territorio simbolo, visto che sono circa 250 i soci della Bcc provenienti dalla Valnerina”.

A ricordare che la Bcc di Spello e Bettona è banca tesoriera del Gal Valle Umbra e Sibillini è stato il direttore Del Savio che poi ha ricordato che “ci sono a disposizione 9 milioni di euro per i prossimi 4 anni per finanziare dei piccoli progetti sul territorio”. Un altro modo, quindi, “per dare un segnale tangibile e concreto di presenza e di crescita dell’intero territorio”. Contestualmente all’inaugurazione, la banca ha annunciato anche di avere già stanziati 300 mila euro di contributi per progetti sul territorio. La Bcc, è stato inoltre ricordato, è la prima banca d’Italia ad aver ricevuto dalla cassa depositi e prestiti i fondi per la ricostruzione, “ed anche in questo si è dimostrata attenta e vigile e molto tempestiva” ha commentato Del Savio. “Questa sede – è stato infine osservato dal presidente Meschini – allarga gli orizzonti della banca anche in termini di obiettivi con un’auspicabile rapido incremento dei soci, un’espansione territoriale e una crescita del raggio di azione della banca stessa”.

Quella di Norcia è così la 14/ma sede della BCC che può contare anche su 2.438 soci e 15.877 clienti totali. Le altri succursali, ricordiamo, si trovano sparse per il territorio regionale: Spello (3 filiali), Bastia Umbra, Costano, Petrignano, Foligno (2 filiali), Passaggio di Bettona, Perugia, Gualdo Cattaneo, Trevi, Spoleto.